892 Visualizzazioni

Stoltenberg apre a Ucraina e Svezia

11 Lug 2023 - Geopolitica

Stoltenberg apre a Ucraina e Svezia

Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha annunciato ieri a Vilnius i principali risultati del vertice dei leader dell’Alleanza Atlantica, che si sta svolgendo nella capitale lituana. Tra le decisioni più importanti: l’apertura all’Ucraina e alla Svezia con la rimozione del veto turco e il rafforzamento della deterrenza e della difesa collettiva.

Un segnale positivo per Kiev

Stoltenberg ha sottolineato che il vertice ha inviato un “forte messaggio” di sostegno all’Ucraina, che da anni è in conflitto con la Russia per il controllo del Donbass e della Crimea. Gli alleati hanno deciso di eliminare per l’Ucraina il percorso di riforme necessario per entrare nell’Alleanza, quando a guerra finita verrà il momento per Kiev di far parte del Patto atlantico. Inoltre, hanno concordato un nuovo pacchetto di aiuti Nato per l’Ucraina, che comprende assistenza in materia di sicurezza cibernetica, difesa aerea, riforma del settore della sicurezza e difesa e sostegno alla società civile.

Stoltenberg ha anche annunciato l’istituzione del Consiglio Nato-Ucraina, un forum politico che rafforzerà il dialogo e la cooperazione tra le due parti. Il primo incontro del Consiglio si è tenuto mercoledì con la partecipazione del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ha incontrato anche il presidente americano Joe Biden. Stoltenberg ha detto che la Nato continuerà a sostenere la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina e a condannare le azioni aggressive della Russia.

Il via libera alla Svezia

Un altro risultato significativo del vertice è stato l’accordo tra la Turchia e la Svezia che ha permesso di sbloccare l’adesione del Paese scandinavo alla Nato. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva imposto diverse condizioni per ritirare il suo veto, tra cui una maggiore collaborazione da parte di Stoccolma nella lotta al terrorismo islamico e curdo e un sostegno all’ingresso della Turchia nell’Unione europea. Dopo un incontro trilaterale con Stoltenberg e il primo ministro svedese Ulf Kristersson, Erdogan ha fatto sapere che sottoporrà quanto prima la ratifica dell’adesione della Svezia all’Alleanza al Parlamento di Ankara senza ulteriori condizioni.

Stoltenberg ha accolto con favore la decisione della Turchia e ha definito “storico” il vertice per aver aperto le porte alla Svezia, che diventerà membro a tutti gli effetti dell’Alleanza. “Questo è buono per l’Alleanza, per la Turchia, per tutta la Nato e la regione del Baltico”, ha dichiarato. “Da vicino della Svezia è un grande bene averla nella Nato, rende tutti più sicuri”, ha aggiunto.

Una nuova strategia di difesa

Infine, il vertice ha approvato il primo piano complessivo di difesa dalla fine della Guerra Fredda, che prevede una serie di misure per rafforzare la deterrenza e la difesa collettiva dell’Alleanza in un contesto di crescente competizione strategica con la Russia e la Cina. Il piano include il potenziamento delle capacità militari, la modernizzazione delle infrastrutture, l’aumento della spesa per la difesa, la promozione dell’innovazione tecnologica e il rafforzamento del legame transatlantico tra Europa e Nord America.
Stoltenberg ha sottolineato che il vertice ha dimostrato l’unità e la solidarietà degli alleati di fronte alle sfide globali e regionali. Ha anche ribadito il sostegno della Nato alla stabilità e alla sicurezza del Vicino Oriente, del Nord Africa e dell’Afghanistan, dove l’Alleanza ha concluso la sua missione militare dopo 20 anni. “La Nato è la più forte alleanza della storia e continuerà a esserlo per il bene dei nostri cittadini”, ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: