327 Visualizzazioni

Francia e Germania Contraddicono il Patto sui Migranti: L’Italia è Lasciata Sola

15 Set 2023 - Italia

Francia e Germania Contraddicono il Patto sui Migranti: L’Italia è Lasciata Sola

La decisione di Francia e Germania di intensificare i controlli ai propri confini per arginare il flusso di immigrati irregolari ha suscitato non poche polemiche e indignazione, specialmente da parte di chi, come l’eurodeputato Vincenzo Sofo, aveva da tempo messo in guardia sull’effettiva efficacia del Patto sui migranti.

Il fatto che proprio Francia e Germania, fautori principali di questo accordo, abbiano adottato una simile misura mette in luce una contraddizione inquietante. Il Patto sui migranti è stato presentato come una soluzione condivisa, basata sul principio di solidarietà volontaria tra gli Stati membri, eppure, con il loro recente comportamento, questi due giganti europei sembrano smentire l’essenza stessa di quella solidarietà europea.

Le parole di Vincenzo Sofo, europarlamentare di FdI e membro della commissione Libe del Parlamento europeo, sono chiare e dirette: la decisione di questi paesi non solo smentisce il Patto, ma mette anche in evidenza la fragilità e l’incertezza che circonda le decisioni riguardo all’immigrazione irregolare. L’Italia, in particolare, rischia di trovarsi in una posizione particolarmente svantaggiata. Nonostante i suoi continui appelli e le sue proposte alternative, l’Italia potrebbe trovarsi da sola a fronteggiare una crisi migratoria di proporzioni enormi, sostenuta soltanto da valutazioni arbitrarie da parte di altri Stati membri.

Il problema di fondo, come evidenzia Sofo, risiede nella natura stessa del Patto sulle migrazioni. Se la sua validità dipende dalla fiducia reciproca tra gli Stati membri e dall’assunzione di responsabilità condivise, allora la sua efficacia è fortemente compromessa da azioni unilaterali come quella di Francia e Germania. Se questi pilastri cadono, l’intero accordo rischia di crollare e il danno ricade prima di tutto sull’Italia, ma poi andrà a ricadere su tutta Europa.

La soluzione proposta dall’eurodeputato Sofo va oltre la semplice ridistribuzione dei migranti. Ciò che serve è una strategia europea concreta e unitaria per proteggere le frontiere e bloccare i flussi irregolari. Solo così si può sperare di affrontare in modo efficace e condiviso l’emergenza migratoria, senza lasciare nessuno Stato membro da solo di fronte a questa sfida. Serve una risposta europea, è essenziale che tutte le nazioni europee lavorino insieme, in spirito di vera solidarietà, per trovare soluzioni sostenibili e a lungo termine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: