1034 Visualizzazioni

Russia Sospende Accordi per Evitare la Doppia Imposizione Fiscale con Paesi Nemici

9 Ago 2023 - Russia

Russia Sospende Accordi per Evitare la Doppia Imposizione Fiscale con Paesi Nemici

Vladimir Putin ha scatenato un’ondata di reazioni internazionali con la firma di un decreto che sospende gli accordi per evitare la doppia imposizione fiscale con 38 Paesi, inclusa l’Italia. Questo atto, che ha portato a una sospensione unilaterale degli accordi fiscali, ha suscitato interrogativi sulle ragioni e le conseguenze di questa mossa.

L’obiettivo principale di questi accordi per evitare la doppia imposizione fiscale è quello di assicurare che i contribuenti non siano soggetti a tassazione sia nel Paese in cui risiedono che in quello in cui lavorano. Questi accordi aiutano a prevenire situazioni in cui le persone e le imprese potrebbero essere gravate da doppie imposte sullo stesso reddito. Tuttavia, la decisione di Putin di sospendere tali accordi con alcuni Paesi è stata giustificata dal fatto che vengono considerati “nemici”.

La lista dei Paesi con cui la Russia ha sospeso gli accordi fiscale include numerose nazioni europee, tra cui l’Italia, oltre a Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Australia. Solo Malta e il Giappone sono stati esclusi da questa mossa. L’effetto di questa decisione è già stato sentito, poiché le imprese e i contribuenti che avrebbero beneficiato degli accordi per evitare la doppia imposizione fiscale con la Russia si troveranno ora di fronte a sfide complesse nell’affrontare le loro questioni fiscali transfrontaliere.

La mossa di Putin arriva in un momento di crescente tensione tra la Russia e molte nazioni occidentali, e le implicazioni economiche di questa decisione potrebbero avere un impatto significativo sui rapporti internazionali e sulle attività commerciali. In particolare, l’Italia è stata una delle nazioni colpite da questa sospensione, e ciò potrebbe avere conseguenze sia per le imprese italiane che operano in Russia che per quelle russe che operano in Italia.

Parallelamente, la Gran Bretagna ha introdotto nuove sanzioni economiche contro la Russia, mirando a limitare l’accesso di Mosca a forniture militari dall’estero, come droni e componenti di microelettronica. Queste misure punitive colpiscono direttamente il settore della difesa russo e potrebbero avere un impatto su progetti militari strategici.

L’azione del Regno Unito si somma alle tensioni già presenti tra Mosca e numerose nazioni occidentali a seguito dell’annessione russa della Crimea nel 2014 e delle crescenti preoccupazioni riguardo alle attività aggressive della Russia nel panorama geopolitico internazionale.

In sintesi, la decisione di Vladimir Putin di sospendere gli accordi per evitare la doppia imposizione fiscale con Paesi nemici ha scatenato un nuovo capitolo di tensioni geopolitiche ed economiche. Le reazioni internazionali e le implicazioni di questa mossa rimangono da monitorare, mentre i rapporti tra Russia e Occidente continuano a essere messi alla prova.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: