307 Visualizzazioni

Nuovi Orizzonti per la Palestina: Verso un Riconoscimento all’ONU?

10 Mag 2024 - Medio Oriente

Con una risoluzione proposta dagli Emirati Arabi Uniti, la Palestina potrebbe avvicinarsi allo status di membro a pieno titolo delle Nazioni Unite, una mossa che aggira i veti e accende nuove speranze di riconoscimento.

Nuovi Orizzonti per la Palestina: Verso un Riconoscimento all’ONU?

Risoluzione Emiratina per il Riconoscimento Palestinese

La questione della statualità palestinese potrebbe ricevere un impulso significativo questa sera presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Gli Emirati Arabi Uniti sono pronti a presentare una risoluzione che potrebbe portare a un importante cambiamento di status per la Palestina all’interno dell’organizzazione mondiale. Il Jerusalem Post riporta che il testo proposto invita il Consiglio di Sicurezza dell’ONU a concedere alla Palestina lo status di membro a pieno titolo, un passo avanti significativo nonostante l’esclusione dal diritto di voto, prerogativa del Consiglio di Sicurezza.

Sfida al Veto Statunitense e Sostegno dell’Assemblea

Dopo il veto statunitense del mese scorso al Consiglio di Sicurezza, che ha bloccato una precedente richiesta palestinese, l’Autorità Palestinese ha cercato un’altra via attraverso l’Assemblea Generale, dove gode del sostegno di circa 140 membri che già riconoscono la Palestina come stato. La mossa degli Emirati Arabi cerca di aggirare l’ostacolo del Consiglio di Sicurezza, proponendo una risoluzione che, seppur non potrà essere oggetto di veto, potrebbe significare un riconoscimento de facto della Palestina come stato membro all’interno dell’ONU.

Implicazioni della Nuova Proposta

Se approvata, la risoluzione consentirebbe alla Palestina di operare quasi a pieno titolo all’interno dell’Assemblea Generale dell’ONU, partecipando attivamente e presentando proposte e risoluzioni. Questo status rafforzato potrebbe anche permettere ai rappresentanti palestinesi di partecipare a riunioni internazionali e conferenze con diritto di parola, aumentando così la loro influenza e visibilità sul palcoscenico mondiale.

Escalation delle Tensioni tra Israele e Stati Uniti

Le relazioni tra Israele e gli Stati Uniti, storicamente alleati stretti, stanno attraversando un periodo di tensione senza precedenti. La divergenza di approcci riguardo alla gestione del conflitto con Hamas ha portato a un raffreddamento significativo dei rapporti tra i due governi. Recentemente, le azioni unilaterali di Israele a Gaza, specialmente l’irruzione nella parte orientale di Rafah e l’occupazione del principale valico di frontiera con l’Egitto, hanno sollevato preoccupazioni serie a Washington.

Il presidente americano Joe Biden e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu hanno mostrato divergenze crescenti. Netanyahu ha enfatizzato la determinazione di Israele a proseguire le operazioni militari contro Hamas, anche di fronte alle crescenti pressioni internazionali e alle minacce degli Stati Uniti di bloccare ulteriori spedizioni di armi. Queste dichiarazioni hanno segnato un chiaro allontanamento dalla tradizionale linea di cooperazione con gli Stati Uniti.

Risposte e Strategie degli USA

L’amministrazione Biden si trova in una posizione delicata, cercando di bilanciare il sostegno storico a Israele con la necessità di promuovere una soluzione pacifica e stabile al conflitto. La Casa Bianca, rappresentata dal portavoce John Kirby, ha espresso preoccupazione per le azioni di Israele, sottolineando che tali manovre non garantiranno la sradicazione di Hamas e potrebbero piuttosto complicare ulteriormente la situazione.

Inoltre, sebbene gli Stati Uniti abbiano temporaneamente sospeso il trasferimento di alcune munizioni a Israele, hanno continuato a fornire sostegno finanziario e logistico. Questo riflette la complessità della posizione americana, che deve navigare tra la pressione internazionale e il sostegno domestico a Israele.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: