85 Visualizzazioni

Milano e l’Aumento dell’Insicurezza legata alla microcriminalità

5 Set 2023 - Italia

Milano e l’Aumento dell’Insicurezza legata alla microcriminalità

L’increscioso incidente che ha coinvolto il pilota della Ferrari, Carlos Sainz, nel cuore pulsante di Milano, ha sollevato un’ardente questione che da tempo preoccupa residenti e turisti: l’aumento dell’insicurezza nella metropoli lombarda.

Il centro di Milano, una volta considerato un’incarnazione della moda, dell’arte e della cultura, sta vivendo un’ombra crescente di criminalità. L’aggressione subita da Sainz, che ha visto il furto di un prezioso orologio Richard Mille a pochi passi dall’Hotel Armani, non è che l’ultimo episodio di una serie di atti criminali che hanno destato preoccupazione.

Sebbene la tempestiva risposta della polizia e l’arresto dei responsabili siano degni di nota, l’incidente pone una questione più grande: Milano è diventata troppo insicura, soprattutto nelle sue zone centrali?

Il sindaco Beppe Sala ha riconosciuto il problema, ammettendo che “sulla sicurezza c’è da lavorare”. Ma sottolineando che “ogni cosa che succede a Milano è enfatizzata all’estrema potenza”, Sala sembra suggerire che la questione dell’insicurezza sia in parte una questione di percezione. Tuttavia, l’incidente con Sainz, insieme ad altri recenti episodi di criminalità, suggerisce che il problema va ben oltre la semplice percezione.

Il paragone con altre città globali, come suggerito dal sindaco, non deve minimizzare l’urgenza di affrontare la questione a Milano. Mentre è vero che la sicurezza è una preoccupazione in molte grandi città, Milano, con il suo status di capitale della moda e hub finanziario, ha una responsabilità particolare nel garantire la sicurezza dei suoi cittadini e visitatori.

Il caso di Sainz, pur essendo un episodio isolato, ha riacceso l’attenzione sulla necessità di misure concrete per affrontare la crescente criminalità. Il consigliere Marco Bestetti ha sottolineato come sia diventato “pericoloso camminare in pieno centro”, un’affermazione che solleva ulteriori dubbi sulla sicurezza dell’area.

La rapina, descritta come “pianificata” dal pm Silvia Bonardi, evidenzia una crescente audacia da parte dei criminali. Questa audacia, combinata con l’indole violenta e la pericolosità dei malviventi, solleva ulteriori preoccupazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: