92 Visualizzazioni

Michael Cohen Testimonia al Processo di Trump: i Repubblicani Sostengono l’Ex Presidente in Tribunale “Non è un Testimone Affidabile”

15 Mag 2024 - USA

In una dimostrazione di solidarietà, numerosi esponenti del GOP si sono presentati al tribunale di Lower Manhattan mentre Michael Cohen, testimone chiave dell'accusa, testimonia contro l'ex presidente Trump. L'accusa di falsificazione dei registri aziendali è vista dai sostenitori di Trump come politicamente motivata.

Michael Cohen Testimonia al Processo di Trump: i Repubblicani Sostengono l’Ex Presidente in Tribunale “Non è un Testimone Affidabile”

Martedì, Michael Cohen ha testimoniato come ultimo testimone dell’accusa nel processo penale contro l’ex presidente Donald Trump. Gli alleati di Trump si sono presentati in massa al tribunale di Lower Manhattan per dimostrare il loro sostegno al presunto candidato presidenziale repubblicano. Questa significativa affluenza ha evidenziato il forte legame e la solidarietà tra Trump e i suoi sostenitori, i quali credono fermamente nella sua innocenza e nell’infondatezza delle accuse.

Sostegno Repubblicano in Tribunale

Numerosi esponenti di alto profilo del Partito Repubblicano, tra cui il presidente della Camera Mike Johnson, si sono uniti a Trump per il diciassettesimo giorno del processo. Johnson ha duramente criticato Cohen, descrivendolo come “un uomo in missione di vendetta personale” e “non affidabile”. Le sue parole riflettono una preoccupazione diffusa tra i sostenitori di Trump, che vedono in Cohen una figura controversa e poco credibile, con una storia di spergiuro e menzogne ai danni del Congresso, dell’IRS e dei funzionari elettorali federali.

Le Accuse Contro Cohen

Johnson ha sottolineato come anche l’avvocato di Cohen abbia testimoniato davanti a un gran giurì che l’ex avvocato non è affidabile. Di conseguenza, la sua testimonianza non dovrebbe avere peso per la giuria. Secondo Johnson, questo processo “non riguarda la giustizia, ma la politica”, una visione condivisa da molti che vedono il caso come un tentativo di minare la figura di Trump piuttosto che una genuina ricerca di verità e giustizia.

Dimostrazione di Sostegno

Tra i sostenitori di Trump presenti in tribunale c’erano anche i rappresentanti Byron Donalds e Cory Mills, il governatore del Dakota del Nord Doug Burgum e l’imprenditore Vivek Ramaswamy. La loro presenza sottolinea il forte e crescente sostegno all’ex presidente all’interno del partito. Lunedì, anche i senatori J.D. Vance, Tommy Tuberville, Rick Scott e la rappresentante Nicole Malliotakis hanno partecipato al processo, rafforzando ulteriormente l’immagine di un Trump circondato da una solida rete di alleati fidati e pronti a difenderlo.

Testimone Principale dell’Accusa

Cohen è il testimone chiave del procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg, che cerca di dimostrare che Trump ha falsificato i registri aziendali relativi a un pagamento di 130.000 dollari all’attrice cinematografica per adulti Stormy Daniels, allo scopo di tacere su una presunta relazione nel 2006. Trump è stato accusato di 34 capi d’accusa di falsificazione dei registri aziendali e si è dichiarato non colpevole, sostenendo fermamente la sua innocenza e denunciando l’intero procedimento come una caccia alle streghe politicamente motivata.

Dichiarazioni di Cohen

Cohen ha dichiarato di essere stato “rimborsato 420.000 dollari” per il pagamento a Daniels. Ha testimoniato che l’ex CFO dell’organizzazione Trump, Allen Weisselberg, ha suggerito di ingrossare i pagamenti e che Trump era a conoscenza dei dettagli del rimborso. Tuttavia, queste affermazioni sono viste dai sostenitori di Trump come parte di una strategia di vendetta personale di Cohen, volto a danneggiare la reputazione dell’ex presidente.

Ordine di Bavaglio

Trump non può parlare di testimoni o personale giudiziario a causa dell’ordine di bavaglio impostogli dal giudice Juan Merchan. L’ex presidente ha fatto appello all’ordine, sostenendo che viola i suoi diritti del Primo Emendamento. Tuttavia, la divisione d’appello della Corte Suprema di New York ha negato l’appello, una decisione che molti ritengono ingiusta e mirata a limitare la libertà di espressione di Trump in un momento cruciale del processo.

Prove Presentate

L’accusa ha presentato a Cohen 11 assegni per un totale di 420.000 dollari, descritti come “retainer”. Cohen ha confermato che gli assegni sono stati tutti ricevuti e depositati, ma ha detto che la descrizione era falsa. Anche queste dichiarazioni sono state accolte con scetticismo dai difensori di Trump, che vedono in Cohen un testimone inaffidabile e opportunista.

Controinterrogatorio

Durante il controinterrogatorio, l’avvocato di Trump, Todd Blanche, ha interrogato Cohen sulle sue menzogne al Congresso nel 2017 e sulle sue dichiarazioni negative su Trump fatte online e ai media. Cohen ha ammesso di aver fatto più di 20 apparizioni televisive e registrato centinaia di episodi di podcast, menzionando Trump in ogni episodio. Questo comportamento suggerisce un’ossessione personale contro Trump, piuttosto che una genuina ricerca di giustizia.

Relazioni con i Procuratori

Cohen ha ammesso di aver incontrato l’ex procuratore di New York Mark Pomerantz e di aver cercato il riconoscimento pubblico della sua cooperazione con le indagini per ridurre la sua pena. All’epoca, Cohen stava scontando la sua pena in confinamento domiciliare. Anche questo aspetto della testimonianza di Cohen rafforza l’idea che il suo coinvolgimento sia motivato da interessi personali piuttosto che da una vera volontà di fare giustizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: