97 Visualizzazioni

Il timore dei separatismi e i problemi del centrodestra in Spagna

27 Lug 2023 - Europa

Il timore dei separatismi e i problemi del centrodestra in Spagna

La recente vittoria del Partito Popolare (PP) nelle elezioni spagnole ha rivelato una serie di dinamiche interessanti all’interno del panorama politico del paese. Nonostante la vittoria, il PP non è riuscito a formare un governo, il che ha portato a una serie di accuse e critiche da parte di vari settori della società spagnola.

Alcuni accusano il PP di aver abbandonato i valori conservatori, piegandosi al progressismo. Questo sentimento ha portato molti a vedere in Vox, il partito di estrema destra, una sorta di ancora di salvezza ideologica. Altri, invece, accusano il PP di non aver adottato una linea dura nei confronti dei separatisti catalani e baschi, accusando il partito di non aver fatto abbastanza per contrastare i legami tra questi gruppi e l’Eta, l’organizzazione separatista basca.

Queste critiche hanno portato molti a lasciare il PP durante il mandato di Mariano Rajoy, convergendo verso Vox. Questo spostamento è stato alimentato da preoccupazioni riguardo a un regionalismo percepito come eccessivo e divisivo, in particolare in relazione alla questione linguistica.

Nonostante queste divisioni, sia il PP che Vox attingono dallo stesso bacino elettorale. Questo ha portato a una situazione in cui la perdita di consensi da parte di Vox ha coinciso con un’ascesa del PP. Né Abascal, il leader di Vox, né Feijóo, il leader del PP, sono riusciti a dividere efficacemente l’elettorato, con Vox che ha perso consenso a causa della presa di posizione più decisa del PP.

La España vaciada e il voto cattolico

Un altro elemento interessante delle recenti elezioni è la cosiddetta “España vaciada”, o “Spagna vuota”. Questa è un’area del paese, principalmente nelle regioni centrali, che sta subendo un processo di spopolamento. In queste aree, il PP ha ottenuto una vittoria netta, suggerendo un distacco tra il mondo progressista e le aree rurali.

Un altro segmento della popolazione che ha orientato il proprio voto verso il centrodestra è quello cattolico. Nonostante un processo di secolarizzazione in corso, molti cattolici spagnoli si sono sentiti attratti da Vox, che ha difeso i valori cattolici in un contesto di progressismo crescente.

Memoria storica e franchismo

Un tema che ha diviso il mondo politico spagnolo è l’applicazione della Legge della Memoria Democratica. Questa legge, che ha sostituito la Ley de Memoria Histórica, è stata respinta sia dal PP che da Vox. Le critiche alla legge variano, ma includono preoccupazioni riguardo alla sua impostazione ideologica, alla sua approvazione da parte di partiti associati al terrorismo basco, e alla percezione che la legge condanni una sola parte politica.

Economia e futuro del Paese

Infine, il piano economico proposto dal PP e da Vox, che si concentra su aspetti tipicamente liberisti, ha attratto il voto di molti spagnoli. Questi includono imprenditori, proprietari di immobili e coloro che aspirano a una maggiore libertà economica. Inoltre, molti criticano l’eccessiva spesa pubblica del governo guidato dal PSOE.

In conclusione, le recenti elezioni spagnole hanno rivelato una serie di dinamiche complesse all’interno del panorama politico del paese. Mentre il PP e Vox cercano di navigare in questo paesaggio, il futuro della politica spagnola rimane incerto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: