88 Visualizzazioni

Columbia University: Rabbi Consiglia agli Studenti Ebrei di Lasciare il Campus

21 Apr 2024 - USA

Di fronte a manifestazioni violente e sostegno esplicito al terrorismo, il Rabbi Elie Buechler invita la comunità ebraica della Columbia University a ritirarsi per garantire la propria sicurezza.

Columbia University: Rabbi Consiglia agli Studenti Ebrei di Lasciare il Campus

Messaggio Urgente per la Comunità Ebraica

Il Rabbi Elie Buechler ha inviato un messaggio urgente alla comunità ebraica della Columbia University e del Barnard College. Di fronte all’inasprimento delle tensioni causate da manifestazioni anti-Israele, il rabbi ha consigliato agli studenti di lasciare il campus immediatamente. Prima di Pasqua, Buechler ha informato centinaia di studenti tramite WhatsApp che la sicurezza non può essere garantita a causa dell’antisemitismo e dell’anarchia crescente.

La Reazione dell’Università

Nonostante l’intervento del NYPD, autorizzato dalla presidente dell’università, Dr. Nemat “Minouche” Shafik, il giorno successivo alla sua testimonianza al Congresso, la situazione non sembra migliorare. Più di 100 persone arrestate sono state rilasciate e il campus resta sotto assedio, con la polizia che osserva senza intervenire. I manifestanti, oltre a sostenere movimenti come BDS, sono stati filmati mentre esprimevano sostegno aperto al terrorismo e alla violenza contro gli studenti ebrei.

Interventi e Critiche

Elise Stefanik, presidente della House GOP, ha chiesto le dimissioni immediate della Shafik per aver perso il controllo del campus. Anche Ben Shapiro e il professor Shai Davidai hanno espresso forte critica verso l’università per la gestione delle proteste e l’inazione di fronte all’antisemitismo. Davidai ha addirittura suggerito l’intervento della Guardia Nazionale se la polizia non riuscirà a garantire la sicurezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: