84 Visualizzazioni

Chico Forti è Tornato in Italia: Un Ritorno Atteso da 24 Anni

18 Mag 2024 - Italia

Dopo 24 anni di prigionia in Florida, Chico Forti è finalmente atterrato in Italia, accolto dalla premier Giorgia Meloni. Un risultato della diplomazia italiana e della determinazione della sua famiglia, che non ha mai perso la speranza.

Chico Forti è Tornato in Italia: Un Ritorno Atteso da 24 Anni

Chico Forti è Tornato in Italia

Dopo 24 anni di prigionia in Florida, Chico Forti è finalmente tornato in Italia. Condannato all’ergastolo per l’omicidio di Dale Pike avvenuto il 15 febbraio 1998, Forti è stato rilasciato e trasferito nel suo paese natale. L’aereo che lo trasportava è atterrato all’aeroporto militare di Pratica di Mare, accolto dalla premier Giorgia Meloni.

Le Prime Parole di Chico Forti

“Non vedo l’ora di riabbracciare mia madre”. Queste sono state le prime parole di Chico Forti, rivolte alla madre 96enne, appena sbarcato in Italia. Forti è apparso visibilmente commosso durante l’incontro con la presidente del consiglio Giorgia Meloni, alla quale ha espresso profonda gratitudine per l’impegno profuso nel suo caso.

La Richiesta di Visita alla Madre

L’avvocato Carlo Della Vedova, legale di Forti in Italia, ha dichiarato: “Faremo un’istanza per ottenere il permesso per il detenuto di visitare la madre, che ha 96 anni e non si può muovere”. Loner Forti, la madre di Chico, si trova a Trento e non vede il figlio da circa dieci anni. L’aspetto umanitario di questa vicenda ha accelerato le procedure, considerate dalla Corte di Appello di Trento al momento della ricezione della sentenza americana.

Il Trasferimento a Rebibbia e poi a Verona

Chico Forti sarà inizialmente trasferito nel carcere di Rebibbia a Roma, dove resterà per qualche giorno prima di essere trasferito al carcere di Verona, probabilmente già lunedì. Il trasferimento è stato il risultato di un lungo processo negoziato ai sensi della Convenzione di Strasburgo, con un consenso ottenuto durante una missione negli Stati Uniti condotta dalla premier Meloni lo scorso marzo.

Un Iter Giudiziario Complesso

Il percorso che ha portato al ritorno di Forti in Italia è stato complesso. L’iter si è concluso mercoledì 15 maggio, quando Forti ha firmato un accordo con il giudice federale statunitense per scontare il resto della pena in Italia secondo il diritto italiano. Il ministero della Giustizia ha giocato un ruolo cruciale, coordinando le procedure tecniche sia sul fronte americano che su quello italiano.

Le Parole della Famiglia

“Questo è un giorno speciale, è il giorno! Oggi possiamo dire di non aver fatto tutto invano”, ha dichiarato Gianni Forti, zio di Chico, in un videomessaggio. Ha sottolineato l’importanza della resistenza e della tenacia di Chico, che hanno stimolato la famiglia e gli amici a mantenere alta l’attenzione sul suo caso, fino al giorno del suo ritorno in patria.

Il Ringraziamento delle Autorità

L’avvocato Carlo Della Vedova ha espresso la sua gratitudine alle autorità italiane e americane che hanno seguito il caso, riconoscendo il ruolo fondamentale della diplomazia italiana. “Il trasferimento in Italia di Forti è il completamento di tutte le procedure giudiziarie, intraprese davanti alle autorità degli Usa”, ha dichiarato.

Il Successo della Collaborazione Istituzionale

La premier Giorgia Meloni ha celebrato il ritorno di Chico Forti come un successo della diplomazia italiana e una vittoria per il governo. “Chico Forti è tornato in Italia. Fiera del lavoro del Governo italiano. Ci tengo a ringraziare nuovamente la diplomazia italiana e le autorità degli Stati Uniti per la loro collaborazione”, ha scritto su Facebook.

Un Giorno di Gioia per l’Italia

Il ministro della Giustizia, Carlo Nordio, ha commentato: “È un giorno di gioia e di soddisfazione per l’intero Paese: il rientro in Italia di Chico Forti è un successo della presidente Giorgia Meloni e uno straordinario traguardo politico e diplomatico”. Nordio ha lodato l’intensa collaborazione istituzionale che ha permesso il ritorno di Forti, chiudendo così un dossier molto complesso seguito con estrema cura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: