87 Visualizzazioni

Zelensky commemora i caduti sull’Isola dei Serpenti, simbolo della resistenza ucraina

8 Lug 2023 - Russia

Zelensky commemora i caduti sull’Isola dei Serpenti, simbolo della resistenza ucraina

Nel 500mo giorno di guerra con la Russia, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha visitato l’Isola dei Serpenti, una piccola isola nel Mar Nero che appartiene all’Ucraina e che era stata occupata dai soldati russi all’inizio dell’invasione. Zelensky ha deposto fiori per i soldati caduti nella difesa dell’isola, una delle battaglie più importanti della guerra.

“L’isola libera della libera Ucraina”, ha detto Zelensky in un video pubblicato sul suo canale Telegram. “Sono grato a tutti coloro che hanno combattuto qui contro gli occupanti. Abbiamo commemorato gli eroi che hanno dato la vita in questa battaglia. Gloria e onore a tutti coloro che combattono per la sicurezza del Mar Nero”.

L’Isola dei Serpenti si trova a 35 km dalle coste dell’Ucraina e della Romania ed è ricca di petrolio e gas naturale. Per questo motivo, è stata al centro di un contenzioso tra i due paesi, risolto dalla Corte internazionale di giustizia dell’Aia nel 2009. L’isola ha anche un valore storico e culturale, in quanto era chiamata “isola d’Achille” dagli antichi Greci e ospitava un tempio dedicato all’eroe.

L’isola è stata attaccata dai russi il 13 aprile 2023, poco dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina. I russi hanno usato l’incrociatore Moskva e altri mezzi navali per bombardare l’isola, dove si trovavano 13 guardie di frontiera ucraine. Queste hanno opposto una resistenza eroica, riuscendo a colpire e affondare l’incrociatore con due missili Neptune forniti dagli alleati occidentali. Dopo una notte di combattimenti, i russi sono riusciti a sbarcare sull’isola e a catturare le guardie di frontiera sopravvissute.

I russi hanno mantenuto il controllo dell’isola fino al 7 luglio 2023, quando hanno deciso di ritirarsi per concentrarsi sul fronte del Donbass, dove continuano a sostenere i separatisti filorussi. Il ritiro russo dall’isola ha permesso di alleggerire il blocco navale imposto dalla Russia nel Mar Nero e di aprire una via per gli approvvigionamenti di grano dall’Ucraina al resto del mondo.

Zelensky ha definito il ritiro russo come un “passo significativo” verso la liberazione dell’Ucraina dall’occupazione e ha promesso di continuare a difendere la sovranità e l’integrità territoriale del suo paese. Ha anche ringraziato gli alleati occidentali per il loro sostegno politico, economico e militare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: