84 Visualizzazioni

Santanchè abbandonata dal governo? ok all’ODG del PD

29 Giu 2023 - Italia

Santanchè abbandonata dal governo? ok all’ODG del PD

In un dibattito all’interno dell’aula della Camera dei Deputati, è emerso un caso di presunto utilizzo fraudolento della Cassa integrazione Covid da parte di alcune aziende. Durante la discussione sull’ordine del giorno presentato dal Partito Democratico, che mirava a sanzionare gli operatori coinvolti in tale comportamento, è stata esplicitamente menzionata Visibilia Editore, società quotata in Borsa, precedentemente controllata al 48,6% dalla Senatrice Daniela Santanchè.

La replica del Ministro

La replica della ministra del Turismo non si è fatta attendere, con Santanchè che ha dichiarato: “Hanno fatto bene, sono d’accordo. Mi sembra giusto che il governo faccia la sua parte. Quando verrò qui mercoledì non avrò problemi”. Il governo, da parte sua, ha confermato la massima fiducia nella ministra, precisando che il parere favorevole all’ordine del giorno si riferisce al merito del dispositivo, che impegna l’esecutivo ad adottare tutte le iniziative necessarie per potenziare i controlli sull’utilizzo inappropriato della Cassa integrazione Covid.

Richiesta di dimissioni

Prima del voto sull’ordine del giorno, Arturo Scotto è intervenuto in aula specificando che l’atto di indirizzo riguardava l’azienda della ministra Daniela Santanchè, chiedendo, alla luce delle accuse mosse, le dimissioni della ministra nel caso in cui si verifichi la conferma delle stesse.

Scotto ringrazia il governo

Scotto ha affermato: “Voglio ringraziare il governo perché ha dato l’ok a questo ordine del giorno. Chiedo l’approvazione di questo ordine del giorno perché da un’inchiesta di Report sono emersi alcuni fatti, che dovrebbero essere confermati, relativi all’azienda Visibilia Editore, controllata per il 48,8% dalla ministra Santanchè, vicende confermate anche da diverse inchieste della Consob, così come è scritto e citato nell’ordine del giorno. Da questa inchiesta, come lei ben sa, signor Presidente, e come sa benissimo la Vice Ministra, ci sarebbero prove concrete che la cassa integrazione straordinaria da COVID è stata usata impropriamente dalla proprietà, con lavoratori in cassa integrazione a zero ore che, però, sono stati al lavoro. Dunque, ci troveremmo di fronte a una frode. Nell’ordine del giorno noi chiediamo di aumentare i controlli, di sanzionare e recuperare quelle risorse e, ovviamente, di intervenire su chi ha commesso questi illeciti. Dunque, se è chiaro a tutti cosa stiamo votando in questo momento, il giorno dopo che quelle accuse dovessero corrispondere a verità, la ministra Santanchè dovrebbe dimettersi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: