144 Visualizzazioni

Qin Gang, il mistero della scomparsa del capo della diplomazia cinese

25 Lug 2023 - Eurasia

Qin Gang, il mistero della scomparsa del capo della diplomazia cinese

Qin Gang, il ministro degli Esteri cinese, è sostanzialmente scomparso. Non è presente pubblicamente da un mese, ufficialmente per motivi di salute. Ma le voci di corridoio si moltiplicano e parlano di una relazione extraconiugale, di uno scandalo di spionaggio o di una purga politica.

Chi è Qin Gang?

Qin Gang, 57 anni, è il ministro degli Esteri della Repubblica popolare cinese dal 25 febbraio 2023. Prima di assumere questo incarico, era stato ambasciatore cinese negli Stati Uniti dal luglio 2021 al gennaio 2023, durante un periodo di forte tensione tra le due superpotenze. Qin è considerato un diplomatico di punta e un fedele del presidente Xi Jinping.

Quando è scomparso?

L’ultima apparizione pubblica di Qin Gang risale al 25 giugno 2023, quando ha incontrato a Pechino i suoi omologhi dello Sri Lanka, del Vietnam e della Russia. Da allora, non si è più visto né sentito. Ha saltato diversi appuntamenti internazionali, tra cui la riunione annuale dei ministri degli Esteri dell’Associazione delle nazioni del Sud-Est Asiatico (Asean) in Indonesia e la visita del capo della politica estera dell’Unione Europea Josep Borrell a Pechino. Il ministero degli Esteri cinese ha annullato questi incontri senza fornire spiegazioni dettagliate.

Quali sono le ipotesi sulla sua scomparsa?

Le ipotesi sulla scomparsa di Qin Gang sono molteplici e contrastanti. Alcune fonti sostengono che il ministro sia malato, forse a causa del covid-19 o di altri problemi di salute. Altre fonti invece affermano che Qin sia stato coinvolto in una storia extraconiugale con una nota giornalista della tv Phoenix di Hong Kong, Fu Xiaotian, con la quale avrebbe avuto un figlio. Questa relazione sarebbe stata scoperta dalle autorità cinesi, che avrebbero avviato un’indagine per verificare se Qin fosse anche implicato in attività di spionaggio a favore degli Stati Uniti o di altri paesi. Infine, c’è chi ipotizza che Qin sia stato vittima di una purga politica interna al Partito comunista cinese, magari per aver contrariato qualche potente rivale o per aver espresso opinioni divergenti da quelle del presidente Xi Jinping.

Quali sono le conseguenze della sua scomparsa?

La scomparsa di Qin Gang ha suscitato preoccupazione e curiosità nel mondo diplomatico e nei media internazionali. Si tratta infatti di un evento insolito e inquietante per il capo della diplomazia di una delle maggiori potenze mondiali, che ha un ruolo chiave nelle questioni globali. La sua assenza potrebbe avere ripercussioni sui rapporti tra la Cina e gli altri paesi, soprattutto in un momento di crescenti sfide e conflitti su temi come i diritti umani, il commercio, il clima e la sicurezza. Inoltre, la sua scomparsa potrebbe riflettere una situazione di instabilità e opacità all’interno del regime cinese, dove le decisioni sono prese da una ristretta cerchia di dirigenti senza alcun controllo o trasparenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: