390 Visualizzazioni

Le Baby Gang: un Problema Sociale e la Necessità di una Risposta Culturale

6 Set 2023 - Approfondimenti Politici

Le Baby Gang: un Problema Sociale e la Necessità di una Risposta Culturale

Le strade di molte città italiane sono ormai divenute teatro di un fenomeno preoccupante: le baby gang. Si tratta di giovani, spesso ancora minorenni, che si raggruppano per compiere azioni delinquenziali come furti, atti di vandalismo e violenza. Questi comportamenti non sono solo manifestazioni di un disagio giovanile, ma sono il sintomo di una crisi culturale e sociale profonda.

La genesi di tali gruppi si può rintracciare in una serie di fattori. Tra questi, vi è sicuramente una crescente sensazione di esclusione e marginalizzazione, specialmente nelle fasce socio-economiche più vulnerabili. I giovani, spesso, non vedono prospettive future chiare e si sentono abbandonati dalla società e dal sistema. Ma, come sottolineato precedentemente, esistono anche influenze esterne che concorrono a forgiare queste mentalità distorte.

La musica trap e di strada, per esempio, se pur espressione artistica di un certo disagio, veicola spesso messaggi in cui la trasgressione e l’anticonformismo sono portati agli estremi. La pornografia online, facilmente accessibile, rappresenta un altro elemento che può distorcere la percezione della sessualità e delle relazioni, soprattutto in menti giovani e impressionabili. E non si può non citare il complicato processo di integrazione dei giovani immigrati, che spesso si sentono a cavallo tra due culture, senza appartenere pienamente a nessuna delle due.

Di fronte a questo scenario, appare chiaro che un approccio meramente punitivo non può funzionare. Non basta infatti intervenire sulle manifestazioni del problema, bisogna agire alle sue radici. Serve una risposta culturale che riesca a offrire ai giovani un’alternativa, una visione del mondo e della società basata su valori positivi e costruttivi.

La scuola ha un ruolo fondamentale in questo contesto. L’istruzione non deve limitarsi a trasmettere conoscenze, ma deve formare cittadini consapevoli e responsabili. Le famiglie, a loro volta, devono ritrovare il loro ruolo educativo, offrendo ai propri figli strumenti per decodificare e comprendere la realtà che li circonda. E le istituzioni devono garantire che ogni giovane abbia opportunità concrete per costruire il proprio futuro, senza sentirsi costretto a cercare scorciatoie pericolose.

Le baby gang non sono, quindi, un fenomeno isolato, ma il frutto velenoso di una società che ha perso alcuni dei suoi punti di riferimento. Solo attraverso una profonda riflessione culturale e un impegno collettivo, è possibile sperare di invertire questa tendenza e offrire ai nostri giovani un futuro migliore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *