147 Visualizzazioni

L’Acqua di Fukushima: Nessun Rischio Ambientale o per la Salute Umana

23 Ago 2023 - Oriente

L’Acqua di Fukushima: Nessun Rischio Ambientale o per la Salute Umana

Recentemente, la questione relativa al rilascio controllato di acqua dallo stabilimento nucleare di Fukushima è diventata oggetto di discussione e preoccupazione. Tuttavia, Alessandro Dodaro, direttore del Dipartimento Fusione e Tecnologie per la Sicurezza Nucleare dell’Enea, ha dissipato i dubbi: l’acqua da rilasciare non presenta rischi né per l’ambiente né per la salute umana.

La posizione di Dodaro fa eco a quella espressa dalla comunità scientifica internazionale e dall’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica. “Il quantitativo di materiale radioattivo presente è così basso da non avere alcun impatto sull’ambiente”, ha assicurato. Non solo i livelli di radioattività sono estremamente ridotti, ma si tratta di acque utilizzate per raffreddare i reattori che non hanno mai avuto contatto diretto con i materiali interni dei reattori. Esse contengono tracce di trizio, un isotopo dell’idrogeno, nonché quantità molto basse di Carbonio-14 e Iodio-129.

Il trizio, in particolare, è riconosciuto come un elemento radioattivo di scarsa pericolosità, con un’emivita di poco più di 12 anni. Questo significa che la sua radioattività diminuisce gradualmente nel tempo. “Una volta rilasciate in mare, queste concentrazioni si ridurranno ulteriormente, rendendo il rilascio del tutto sicuro”, ha affermato Dodaro.

L’esperto ha anche evidenziato che situazioni simili non sono una novità nel panorama mondiale: attività che implicano l’uso di sorgenti radioattive, come laboratori radiologici, hanno protocolli e autorizzazioni specifiche che permettono lo scarico di materiali con bassa radioattività, a condizione che essi siano al di sotto dei limiti stabiliti dalle autorità competenti.

In conclusione, è importante riconoscere che tracce di materiali radioattivi sono naturalmente presenti sia nell’ambiente che in molte attività umane, e sono considerate sicure quando mantengono livelli bassi. Questa assicurazione, data dall’esperto dell’Enea, offre una prospettiva rasserenante sulla decisione di rilasciare l’acqua contenuta nei serbatoi di Fukushima, confermando che tale operazione avverrà nel rispetto della salute e dell’ambiente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: