91 Visualizzazioni

La Scelta del Futuro: Bitcoin nelle Riserve della Banca Nazionale Svizzera

27 Apr 2024 - Finanza

Mentre la Banca Nazionale Svizzera si trova a un bivio, tra la pressione degli attivisti per includere il bitcoin nelle sue riserve e la necessità di mantenere investimenti liquidi e sostenibili, emerge un dibattito sempre più acceso su come la tradizione bancaria possa coesistere con l'innovazione delle criptovalute.

La Scelta del Futuro: Bitcoin nelle Riserve della Banca Nazionale Svizzera

Il Presidente Thomas Jordan ha comunicato che la Banca Nazionale Svizzera mantiene una posizione scettica sull’acquisto di bitcoin, nonostante le pressioni degli attivisti per modificare la legislazione svizzera e consentire l’inclusione delle criptovalute nelle sue riserve valutarie. Jordan ha sottolineato che l’acquisizione di bitcoin, da affiancare all’oro, alle valute estere, ai titoli di stato e alle azioni già presenti nelle riserve della SNB, presenta possibili svantaggi, come le emissioni di carbonio, in relazione al consumo energetico associato al mining e alle transazioni delle criptovalute.

Riflessione sull’Investimento in Bitcoin

All’assemblea generale della banca centrale viene dichiarato che non è ancora stata presa una decisione riguardo all’investimento in bitcoin. Questa decisione viene motivata con il fatto che le riserve di valuta devono essere liquide, sostenibili e facilmente negoziabili. Viene anche sottolineato che le riserve di valuta sono fondamentalmente utilizzate per i pagamenti internazionali. Tuttavia, nonostante ciò, un gruppo di campagna sta facendo pressioni affinché una parte delle riserve di valuta venga convertita in bitcoin e che questa questione sia sottoposta a un referendum. Il gruppo sostiene che questa mossa aiuterebbe a garantire la sovranità e la neutralità svizzere, oltre a diversificare gli investimenti della banca centrale.

Sfidando il tradizionale

Durante un incontro, Luzius Meisser, rappresentante del broker di criptovalute Bitcoin Suisse, ha espresso il suo punto di vista riguardo alle strategie di investimento della Banca Nazionale Svizzera. Ha sottolineato che la banca ha registrato perdite notevoli sui suoi investimenti in titoli di stato stranieri, mentre avrebbe potuto generare considerevoli profitti scegliendo di investire in bitcoin.
Meisser ha sostenuto che un cambiamento di rotta verso l’acquisto di Bitcoin anziché continuare a investire in obbligazioni governative in perdita potrebbe portare vantaggi significativi per il franco svizzero e per l’indipendenza della Banca Nazionale Svizzera. Questo suggerisce che Meisser crede che l’acquisto di Bitcoin potrebbe essere una strategia più redditizia e vantaggiosa rispetto agli investimenti tradizionali in obbligazioni governative, e che potrebbe anche rafforzare la posizione della Banca Nazionale Svizzera e la stabilità della valuta svizzera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: