90 Visualizzazioni

La Carta Dedicata a Te come strumento di sostegno alle famiglie in difficoltà

11 Lug 2023 - Italia

La Carta Dedicata a Te come strumento di sostegno alle famiglie in difficoltà

Durante una conferenza stampa, i ministri Giancarlo Giorgetti, Francesco Lollobrigida e Marina Elvira Calderone hanno presentato la Carta Dedicata a Te, un nuovo strumento di sostegno per gli acquisti alimentari di prima necessità. I ministri si sono espressi in merito all’importanza di contrastare l’inflazione, in particolare sui prezzi dei beni alimentari, che colpiscono maggiormente le famiglie meno abbienti.

Il ruolo della Carta Dedicata a Te

Il ministro Giorgetti ha sottolineato che l’inflazione dei prezzi alimentari è al di là delle aspettative e che il governo sta cercando di intervenire su fattori come l’energia e i beni alimentari. La Carta Dedicata a Te rappresenta un intervento mirato per contrastare il caro carello e fornire un aiuto concreto alle famiglie in difficoltà. Secondo il ministro dell’Agricoltura, Lollobrigida, questo tipo di intervento non può essere sommato ad altri, come il Reddito di Cittadinanza, poiché le risorse statali non sono infinite. È importante fornire misure calibrate che possano dare una mano a coloro che ne hanno bisogno.

Il ruolo moltiplicatore della carta

La ministra del Lavoro, Calderone, ha evidenziato che la Carta Dedicata a Te sostiene le famiglie in difficoltà offrendo un aiuto concreto sotto forma di beni di prima necessità forniti dalle catene di distribuzione. Questo strumento ha un effetto moltiplicatore in quanto le risorse della carta si traducono direttamente in beni essenziali. Inoltre, Calderone ha sottolineato che non è necessario fare una richiesta specifica per ottenere la carta, poiché l’INPS ha identificato i beneficiari in base alle liste predefinite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: