656 Visualizzazioni

Il Declino del Cattolicesimo in Polonia: Consumismo, Principi Occidentali e la Banalizzazione dei Valori

30 Set 2023 - Approfondimenti Politici

Il Declino del Cattolicesimo in Polonia: Consumismo, Principi Occidentali e la Banalizzazione dei Valori

Nel panorama mondiale attuale, la cultura occidentale ha esercitato un’indiscutibile influenza sull’assetto geopolitico, economico e sociale di molte nazioni. Tuttavia, una crescente critica suggerisce che l’adesione incondizionata ai principi occidentali possa portare a una forma di relativismo in cui la cultura del consumismo predomina e i valori tradizionali vengono banalizzati.

I valori occidentali

La visione occidentale post-moderna, con la sua enfasi sull’individualismo, la libertà personale e il progresso economico, ha certamente portato a numerosi benefici materiali e sviluppi tecnologici. Ma, contemporaneamente, ha creato una società in cui l’acquisto e il possesso di beni materiali spesso surclassano valori più profondi e intrinseci.

In questo contesto, il consumismo non rappresenta solo un modello economico basato sull’acquisto di beni, ma diventa un ideale di vita. L’identità personale e il senso di realizzazione vengono frequentemente misurati in termini di possesso materiale piuttosto che di integrità personale, etica o connessioni umane profonde.

Il Caso Polacco

La Polonia offre un esempio illuminante di questa tendenza. Secondo i dati citati dal portale Notes from Poland, solo il 71% dei polacchi si identifica oggi come cattolico, in calo rispetto all’88% di dieci anni fa. Questi dati non solo evidenziano una crescente distanza dalla Chiesa cattolica, aggravata da scandali e controversie, ma mostrano anche un cambiamento più ampio nella società polacca, ormai legata intrinsecamente alla società occidentale e al modello americano. Considerando quanto fosse forte l’ideale religioso negli anni sovietici, fa impressione vedere come, nel giro di qualche decennio, sotto le bandiere della “libertà” di stampo occidentale, siano cambiate le fondamenta di una società che sembrava granitica. Nulla avevano potuto le persecuzioni sovietiche. Esse avevano generato ancora di più l’attaccamento alla religione e avevano fatto emergere figure come quelle di San Giovanni Paolo II, la cui forza morale è stata un faro per chi non si voleva arrendere all’ateismo di stato.

Vinto il comunismo e abbracciando i valori dell’occidente democratico e atlantico, tutto è cambiato e una società che prima si poteva definire religiosa ora sta andando sempre più verso una forma di secolarizzazione che Mosca non è riuscita a realizzare.
La percentuale di polacchi che affermano di non appartenere ad alcuna religione, infatti, è quasi triplicata in un decennio, mentre coloro che si astengono dal dichiarare una specifica appartenenza religiosa sono aumentati notevolmente. Questi dati suggeriscono una crescente secolarizzazione e un allontanamento dai valori tradizionali.

Questo non vuole essere un attacco indiscriminato ai principi occidentali o una nostalgica idealizzazione dei valori tradizionali. Al contrario, l’intento è sottolineare la necessità di un equilibrio. L’adozione di principi occidentali può e dovrebbe coesistere con una profonda riflessione sui valori che una società decide di coltivare e promuovere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: