180 Visualizzazioni

Giorgia Meloni, il 31° anniversario della strage di via D’Amelio e la lotta senza tregua contro la mafia

19 Lug 2023 - Italia

Giorgia Meloni, il 31° anniversario della strage di via D’Amelio e la lotta senza tregua contro la mafia

Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, sarà presente a Palermo oggi, 19 luglio, per commemorare il 31° anniversario della strage di via D’Amelio. L’evento è da sempre un momento toccante per ricordare la tragica morte di Paolo Borsellino e dei cinque agenti della scorta, vittime di un’atroce azione mafiosa.

Tuttavia, il Premier non prenderà parte alla fiaccolata che si terrà nel pomeriggio, organizzata dal fratello del magistrato assassinato. Questo non riduce in alcun modo l’impegno di Meloni nella lotta contro le organizzazioni criminali, come ribadito nella lettera inviata al Corriere della Sera.

Nel testo, il Primo Ministro dichiara il suo impegno personale e quello dell’intero Governo nel combattere la mafia, affermando di presiedere “il Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza per fare il punto sul lavoro svolto sull’attività di contrasto alla criminalità organizzata che le istituzioni, a ogni livello, stanno portando avanti”.

Meloni manifesta un profondo orgoglio per le azioni del suo Governo nel fronteggiare il cancro mafioso, in particolare per il coraggio e la determinazione dimostrati fin dal primo giorno di mandato. Evidenzia come i fatti testimonino l’efficacia dell’impegno profuso: la restrizione dei benefici penitenziari ha permesso di trattenere in regime di 41 bis boss mafiosi come Matteo Messina Denaro.

Il Governo ha intrapreso ulteriori azioni concrete come lo sblocco delle assunzioni nelle forze dell’ordine e il sostegno ai magistrati e a tutti coloro che combattono la mafia sul territorio. Sta inoltre lavorando a un provvedimento per una definizione autentica di “reati di criminalità organizzata”, allo scopo di evitare che gravi crimini rimangano impuniti in seguito a recenti sentenze della Corte di Cassazione.

Nonostante i progressi, Meloni riconosce che “c’è ancora molto da fare”. Il suo impegno e quello del suo Governo, tuttavia, non verranno meno. “La lotta alla mafia è parte di noi, è un pezzo fondante della nostra identità, è la questione morale che orienta la nostra azione quotidiana. Lo dobbiamo a Paolo Borsellino, e a tutti coloro che hanno sacrificato la vita per la giustizia e hanno reso onore all’Italia”, conclude il Primo Ministro.

Così, nel ricordo di questo tragico giorno e in omaggio a chi ha dato la vita nella lotta alla criminalità, l’Italia rinnova il suo impegno incessante nel combattere le mafie, guidata da un governo determinato a non lasciare impuniti i reati di criminalità organizzata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: