103 Visualizzazioni

Francesco Cossiga: l’irregolare che ha ridefinito il concetto di leadership

17 Ago 2023 - Italia

Francesco Cossiga: l’irregolare che ha ridefinito il concetto di leadership

In un’epoca in cui la politica è spesso vista con scetticismo e i leader sono messi costantemente sotto esame, è raro trovare figure che riescano a emergere come faro di guida autentico e innovativo. Francesco Cossiga è una di queste eccezioni, un uomo che ha saputo conciliare due aspetti apparentemente inconciliabili della sua personalità e del suo approccio politico.

Francesco Cossiga, come ricordato in occasione del 13° anniversario della sua scomparsa, avvenuta il 17 agosto 2010, è stato un “grande italiano”. Non solo per i suoi meriti politici o per le cariche istituzionali ricoperte, ma soprattutto per la sua capacità di introdurre nella politica un sentimento genuino e una profonda cultura del dubbio.

È Marco Minniti, già ministro dell’Interno, a sottolineare l’importanza e l’unicità di Cossiga. Nelle sue parole, emerge una figura “irregolare”, che sapeva al contempo rappresentare l’istituzionalità e portare dentro di essa un soffio di novità e autenticità.

Per molti, l’idea di un politico “irregolare” potrebbe suonare come una contraddizione in termini. Ma è proprio in questa apparente contraddizione che risiede la grandezza di Cossiga. Da un lato, era un uomo profondamente radicato nelle istituzioni, un patriota che ha sempre considerato il benessere e la prosperità del suo Paese come l’impegno fondamentale della sua vita. Dall’altro, aveva la rara capacità di introdurre una ventata di freschezza nella politica, rappresentando il sentimento genuino del popolo e la cultura del dubbio, spesso assente nei palazzi del potere.

È evidente che, in un periodo in cui la politica è spesso accusata di essere distante dai reali bisogni dei cittadini, la visione e l’approccio di Cossiga appaiono non solo rilevanti ma anche profondamente rivoluzionari. Portare la cultura del dubbio all’interno delle istituzioni significa introdurre una dose di umiltà, di ascolto e di capacità di autocritica.

Il ricordo di Marco Minniti, uno dei ministri dell’Interno più autorevoli degli ultimi anni, rende omaggio a un leader unico, che ha saputo trasformare le sue “irregolarità” in un punto di forza. Francesco Cossiga rimarrà nei libri di storia non solo come un grande uomo di Stato, ma anche come un politico capace di rinnovare e rigenerare il dialogo tra istituzioni e cittadini. In un’era in cui la fiducia nella politica è messa a dura prova, la sua eredità rappresenta una fonte d’ispirazione inestimabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: