140 Visualizzazioni

Eni sapeva del cambiamento climatico oltre 50 anni fa: la rivelazione choc

25 Set 2023 - Italia

Eni sapeva del cambiamento climatico oltre 50 anni fa: la rivelazione choc

Un recente rapporto svela che Eni, il colosso petrolifero italiano, era a conoscenza degli impatti climatici dell’estrazione di combustibili fossili già nel 1970. Questa rivelazione proviene da un rapporto di Greenpeace Italia e del gruppo di advocacy ReCommon.

Nonostante le numerose evidenze e rapporti, Eni ha continuato a promuovere la produzione di petrolio e gas. In particolare, un rapporto del 1970 del centro di ricerca Isvet di Eni aveva già messo in guardia sul rischio “catastrofico” del cambiamento climatico dovuto all’accumulo di CO2 causato dalla combustione di combustibili fossili.

Tuttavia, rispetto ad altre grandi compagnie petrolifere, fino ad ora sono state scoperte poche prove che Eni avesse una conoscenza approfondita del danno che i suoi prodotti avrebbero causato. “La nostra indagine dimostra come Eni si unisca alla lunga lista di aziende di combustibili fossili che erano consapevoli dell’effetto destabilizzante della coalizione di carbone, gas e petrolio sul bilancio climatico globale”, ha dichiarato Felice Moramarco, stratega di comunicazione di Greenpeace Italia.

Il rapporto si basa su ricerche effettuate in archivi pubblici e privati in Italia, inclusi gli archivi della stessa Eni. Queste scoperte si aggiungono alle ricerche esistenti che mostrano come le compagnie di combustibili fossili fossero consapevoli dei rischi climatici della combustione di combustibili fossili già negli anni ’70 e ’80, ma hanno comunque scelto di espandere la produzione di petrolio e gas e ostacolare l’azione sul clima.

Recentemente, la California ha presentato una causa contro diversi giganti del carbonio, tra cui Exxon, Shell, Chevron e BP, accusandoli di aver coperto le loro conoscenze sulle emissioni e di aver ingannato il pubblico per decenni sulla crisi climatica.

Il rapporto italiano mostra che anche Eni aveva previsto danni dai suoi prodotti oltre 50 anni fa. Nel 1971, Eni ha fondato una nuova società a Roma per studiare i problemi dell’inquinamento chiamata Tecneco. Un rapporto del 1973 di Tecneco prevedeva che le attività umane potessero causare cambiamenti permanenti nell’atmosfera, incluso il “cambiamento climatico”.

Quest’anno, un’indagine di DeSmog ha anche scoperto che Eni ha promosso ingannevolmente il gas fossile come “l’energia pulita del futuro”, nonostante i suoi effetti dannosi sul clima.

Il 25 luglio, Greenpeace Italia e ReCommon hanno ricevuto una “richiesta di mediazione” da Eni in risposta alla loro causa. Questo è un prerequisito obbligatorio per presentare una causa per diffamazione secondo la legge italiana. La società ha anche dichiarato che potrebbe cercare almeno 50.000 euro di danni da ciascun gruppo.

“Intendiamo resistere a questo tentativo di intimidazione da parte di Eni e chiediamo il sostegno di tutte le persone e delle entità pubbliche e private che si preoccupano della causa della giustizia climatica”, ha dichiarato Antonio Tricarico, direttore del programma di ReCommon.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: