60 Visualizzazioni

9 maggio: Celebriamo l’Europa…Nazione.

9 Mag 2024 - Approfondimenti Politici

Mentre celebriamo la Giornata dell’Europa, riflettiamo sul potenziale di un continente unito sotto una politica estera e una difesa comuni che potrebbero elevare la nostra posizione globale.

9 maggio: Celebriamo l’Europa…Nazione.

La Giornata dell’Europa: tra celebrazione e critica

Il 9 maggio si celebra la Giornata dell’Europa, un simbolo di pace e unità continentale, commemorando la proposta di Robert Schuman del 1950, considerata l’atto di nascita dell’Unione Europea. Tuttavia, nonostante la celebrazione di questi nobili ideali, molti sostengono che l’Europa, così come è attualmente configurata, non è ancora un vero soggetto politico credibile, minata da una burocrazia onnipresente e da interessi internazionali che ne limitano l’efficacia.

Europa: un gigante burocratico?

L’Unione Europea è spesso percepita come un ente principalmente burocratico, un labirinto di regole e regolamenti che, mentre intendono uniformare e facilitare il processo decisionale tra gli stati membri, in realtà spesso finiscono per soffocare l’agilità e l’autonomia nazionale. Esempi come le rigide normative sulla pesca che affliggono i pescatori mostrano come la burocrazia possa impattare negativamente su specifici settori, limitando la libertà di azione degli stati membri in materie di sovranità fondamentale.

L’assenza europea nella politica estera e difesa

Nonostante il suo peso economico e politico, l’Europa appare marginale in contesti internazionali cruciali, specialmente in termini di politica estera e capacità difensive. In un mondo in cui le sfide geopolitiche richiedono una risposta coordinata e robusta, l’Europa sembra incapace di esercitare un’influenza significativa. Ciò è in parte dovuto alla mancanza di una vera politica estera comune e di una difesa integrata, rendendo il continente vulnerabile e reattivo piuttosto che proattivo sui fronti internazionali.

La visione di un’Europa Nazione

Contrariamente alla situazione attuale, alcuni propongono il modello di un’Europa Nazione: un’entità politica unita con una forte politica estera comune e capacità difensive autonome, ma che allo stesso tempo rispetti e promuova la sovranità nazionale in altre aree. Questo modello suggerisce che solo una tale configurazione permetterebbe all’Europa di agire decisamente sulla scena internazionale, difendendo gli interessi dei suoi popoli e influenzando gli equilibri globali.

L’Europa che vogliamo: potere ai popoli

Il progetto europeo può avere successo solo se è sostenuto dagli interessi e dalla volontà dei suoi cittadini. La necessità di una politica estera e di una difesa comune non è solo una questione di pragmatismo, ma anche di sopravvivenza politica nel contesto globale. È fondamentale che l’Unione Europea riformi le sue strutture per diventare un attore globale rispettato e influente, capace di difendere e promuovere gli interessi dei suoi stati membri e dei loro cittadini. La sfida è trasformare l’Europa da un’entità burocratica a un vero soggetto politico, con le risorse e le competenze per fare la differenza a livello mondiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: