136 Visualizzazioni

Zelensky: incontri diplomatici tra ottimismo e dubbi

22 Ago 2023 - Europa

Zelensky: incontri diplomatici tra ottimismo e dubbi

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, sembra aver cercato di dare l’immagine di incontri di successo durante il vertice Ucraina-Balcani ad Atene. Tuttavia, non possiamo fare a meno di notare alcuni aspetti da analizzare criticamente.

Zelensky sembra enfatizzare l’incontro con la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, come un successo per l’Ucraina. La retorica positiva riguardo ai “progressi dell’Ucraina nel percorso verso l’UE” sembra un tentativo di dipingere la situazione in modo ottimistico. Tuttavia, ciò solleva interrogativi sulla reale sostenibilità e il significato di questi “progressi”. Considerando la situazione geopolitica complessa e il continuo conflitto con la Russia, è giusto chiedersi quanto questi progressi siano effettivamente concreti e quanto siano influenzati dalle dinamiche politiche in corso.

La menzione del “continuo sostegno di fronte all’aggressione della Russia” sembra più un’indicazione di solidarietà retorica che di azioni concrete. È legittimo dubitare dell’effettiva capacità dell’UE di fornire un sostegno significativo all’Ucraina, considerando la complessità delle relazioni con la Russia e le divisioni tra gli Stati membri dell’UE su come affrontare la questione.

Le affermazioni su “portare il grano ucraino sui mercati mondiali” e “fornire assistenza economica” potrebbero essere interpretate come un tentativo di enfatizzare la dipendenza economica dell’Ucraina dall’UE. Questa dipendenza potrebbe anche sollevare questioni sulla sovranità economica dell’Ucraina e sulla possibilità che le relazioni con l’UE possano essere sfruttate per ottenere vantaggi economici a scapito della sovranità nazionale.

Inoltre, la richiesta di “normalizzare l’export e il transito dei prodotti agricoli ucraini” può essere vista come un appello per garantire interessi economici specifici dell’Ucraina, piuttosto che una preoccupazione genuina per il benessere generale.

L’aspettativa di una “valutazione positiva del progresso dell’Ucraina” nel rapporto della Commissione UE sembra riflettere una certa fiducia eccessiva nella volontà e nella capacità dell’UE di accelerare il processo di adesione dell’Ucraina. È importante essere realisti sul fatto che l’adesione all’UE è un processo complesso e che richiede il consenso di tutti gli Stati membri, il che potrebbe non essere così agevole date le divergenze interne dell’UE.

Infine, le dichiarazioni sull’incontro con il presidente della Serbia, Aleksandar Vucic, sembrano enfatizzare l’armonia e la cooperazione. Tuttavia, è importante chiedersi se le conversazioni su “rispetto della Carta delle Nazioni Unite” e “inviolabilità dei confini” siano solo parole vuote o se porteranno a cambiamenti tangibili nelle relazioni bilaterali.

In conclusione, mentre Zelensky cerca di presentare questi incontri come successi significativi, è cruciale mantenere un atteggiamento critico e realistico, considerando la complessità delle dinamiche geopolitiche e diplomatiche in gioco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: