92 Visualizzazioni

UE Rivoluziona le Politiche di Asilo: Approvato il Nuovo Patto sulla Migrazione

10 Apr 2024 - Europa

Con il via libera al patto sull'asilo e la migrazione, l'Europa tenta di voltare pagina dopo anni di impasse. Tra solidarietà obbligatoria e misure securitarie, il cammino verso un'efficace gestione della migrazione resta tuttavia irto di sfide e controversie

UE Rivoluziona le Politiche di Asilo: Approvato il Nuovo Patto sulla Migrazione

Il Parlamento Europeo ha approvato a maggioranza, nella sessione mini-plenaria di Bruxelles del 10 aprile, tutti i dieci testi che compongono il nuovo patto dell’Unione Europea sull’asilo e la migrazione. Questa mossa, descritta dal vicepresidente della Commissione Margaritis Schinas come “una completa rivoluzione delle leggi UE sulle migrazioni”, segna un momento storico dopo quasi un decennio di stallo politico in materia. Vediamo più da vicino cosa comporta questo patto e quali sono le reazioni e le conseguenze scaturite da questa decisione.

La Rivoluzione nelle Leggi sull’Asilo e Migrazione

Il patto, composto da dieci testi legislativi, introduce una serie di riforme significative per la gestione dell’asilo e della migrazione all’interno dell’Unione Europea. Tra queste, spicca il nuovo regolamento sulla gestione dell’asilo e della migrazione, che prevede che gli Stati membri contribuiscano alla gestione delle pressioni migratorie accogliendo richiedenti asilo, offrendo sostegno finanziario o tecnico-operativo. Viene anche aggiornato il meccanismo di risposta alle crisi migratorie e introdotte nuove norme per prevenire la strumentalizzazione dei migranti.

Le Principali Novità del Patto

Il patto introduce importanti novità, come la modifica delle norme di Dublino, che attribuiscono a uno Stato membro la responsabilità di esaminare le domande di protezione internazionale. Prevede inoltre procedure più rapide per il trattamento delle domande di asilo alle frontiere, la memorizzazione dei dati biometrici nel sistema Eurodac per chi entra irregolarmente nell’UE, e norme aggiornate sul riconoscimento dello status di rifugiato e i diritti applicabili.

Reazioni e Critiche

La decisione ha suscitato reazioni miste. Da un lato, la presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola, e la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, hanno espresso soddisfazione, sottolineando l’importanza della solidarietà tra gli Stati membri e l’impegno dell’UE a gestire in modo efficace la migrazione irregolare.
D’altro canto, la delegazione degli eurodeputati del Partito Democratico e la Lega hanno espresso forte dissenso, criticando il patto per non aver superato adeguatamente il sistema di Dublino e per il suo approccio ritenuto eccessivamente securitario. Anche i vescovi italiani, tramite la Commissione Episcopale Italiana, hanno parlato di “fallimento della solidarietà europea”, evidenziando preoccupazioni per le implicazioni umanitarie delle nuove misure.

Il Cammino Verso l’Applicazione

Le leggi approvate entreranno in vigore dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE e i regolamenti saranno applicabili dopo due anni. Gli Stati membri avranno, invece, due anni di tempo per adeguare le proprie legislazioni nazionali alla direttiva sulle condizioni di accoglienza.
Questo patto rappresenta un passo significativo verso la riforma della politica di asilo e migrazione dell’UE, cercando di bilanciare la necessità di solidarietà tra gli Stati membri con la gestione dell’immigrazione irregolare. Tuttavia, le critiche e le preoccupazioni sollevate riflettono la complessità delle questioni in gioco e il lungo cammino che ancora attende l’Unione Europea per trovare un accordo complessivo e sostenibile sulla migrazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: