134 Visualizzazioni

Tragedia di Mestre: Salvini la spara grossa

5 Ott 2023 - Italia

Tragedia di Mestre: Salvini la spara grossa

Salvini si lancia a capofitto sulla tragedia di Mestre e lo fa nel peggiore dei modi. Secondo il titolare del dicastero dei trasporti e delle infrastrutture bisognerebbe riflettere sull’utilizzo dei motori elettrici perché, a suo dire, le batterie potrebbero prendere fuoco più facilmente.
A smentirlo è il procuratore capo di Venezia Bruno Cherchi che ha dichiarato testualmente: “ Non si è verificato alcun incendio né dal punto di vista tecnico, né c’è stata una fuga di gas delle batterie a litio che ha provocato fuoco e fumo”.

Se proprio volessimo trovare un colpevole, probabilmente dovremmo soffermarci sul guardrail vetusto e non in grado di fermare la corsa del bus verso il baratro. Sotto quel cavalcavia hanno perso la vita 21 persone tra cui un neonato e una bambina di 12 anni e la magistratura sta indagando per accertare le cause dell’incidente. Un ministro della Repubblica che, sulla base di qualche lancio d’agenzia, formula ipotesi avventate per dare forza ad una sua linea politica non è concepibile.

Vanno bene la contrapposizione delle idee e lo scontro aspro, ma davanti alla morte il rispetto delle istituzioni dovrebbe primeggiare. La maturità della democrazia si misura anche dai comportamenti di leader politici e Ministri: in questa circostanza Salvini ha fatto fare una pessima figura non solo al suo partito, ma anche al suo governo e all’Italia intera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: