422 Visualizzazioni

Sventato Attentato a Zelensky: Kiev Ferma Complotto Russo

7 Mag 2024 - Europa

I servizi segreti ucraini hanno intercettato e sventato un piano orchestrato dall'FSB russo per assassinare il presidente Volodymyr Zelensky e altri alti funzionari, rivelando coinvolgimenti interni e strategie di attacco avanzate.

Sventato Attentato a Zelensky: Kiev Ferma Complotto Russo

La scoperta del complotto

Il Servizio di Sicurezza dell’Ucraina (SBU) ha recentemente annunciato di aver impedito un grave attentato contro la vita del Presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Questa rivelazione segna l’ultimo sviluppo nelle continue tensioni tra l’Ucraina e la Russia. Secondo quanto riferito, il piano prevedeva l’uso di agenti infiltrati del FSB, l’agenzia di sicurezza russa, che avevano l’obiettivo di eliminare il presidente ucraino.

Coinvolgimento interno e supervisone russa

I dettagli forniti dallo SBU indicano che il complotto era sorprendentemente complesso e coinvolgeva persino due colonnelli del dipartimento ucraino per la sicurezza. Questi ultimi avrebbero fornito informazioni vitali ai loro controparti russi, permettendo di organizzare e pianificare l’attentato sotto la supervisione diretta del FSB a Mosca. L’obiettivo dichiarato era di presentare l’assassinio di Zelensky come un “regalo” per Vladimir Putin in occasione del suo insediamento.

Dettagli dell’operazione prevista

Il piano aveva contorni particolarmente macabri e sofisticati. Prevedeva il rapimento di Zelensky, seguito dalla sua eliminazione. In aggiunta, il piano mirava ad uccidere altre figure di spicco del governo e dell’intelligence ucraina, tra cui il capo dei servizi di sicurezza Vasyl Malyuk e il capo dell’intelligence Kyryll Budanov. Queste azioni avrebbero dovuto essere il preludio di un attacco coordinato e devastante.

Strategia di attacco dettagliata

Secondo le informazioni diffuse, i preparativi includevano una fase di osservazione prolungata per raccogliere dati cruciali sui movimenti e i luoghi frequentati dai bersagli. Queste informazioni avrebbero poi guidato un attacco missilistico preciso. In seguito al primo missile, l’area sarebbe stata sorvolata da droni, incaricati di lanciare un secondo attacco, seguendo una tattica già utilizzata in altre città ucraine. Un secondo missile avrebbe concluso l’operazione, mirando a devastare ulteriormente l’area e a eliminare eventuali tracce dell’uso di droni.

Implicazioni e reazioni

Questo tentativo di assassinio non solo sottolinea le continue tensioni tra Russia e Ucraina, ma evidenzia anche la presenza di traditori all’interno delle forze ucraine che collaborano con il nemico. Questo evento richiederà senza dubbio una risposta decisa e possibili azioni punitive contro i responsabili e i loro collaboratori interni, rafforzando al contempo le misure di sicurezza intorno al presidente e ad altre figure chiave del governo ucraino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: