99 Visualizzazioni

Strategia USA contro la Cina: Tra Gestione e Necessità di Vittoria

10 Apr 2024 - Geopolitica

L'amministrazione Biden affronta il bivio strategico nella politica verso la Cina: continuare a gestire una competizione pericolosa o adottare un approccio più deciso per assicurare un futuro di stabilità globale e vittoria democratica.

Strategia USA contro la Cina: Tra Gestione e Necessità di Vittoria

L’approccio dell’amministrazione Biden alla politica estera, in particolare verso la Cina, si è distinto per aver rafforzato le alleanze degli Stati Uniti in Asia e limitato l’accesso della Cina a tecnologie critiche statunitensi. Tuttavia, questa strategia rischia di perdere di efficacia a causa di un’inclinazione verso un disgelo a breve termine con i leader cinesi, mettendo a rischio una vittoria a lungo termine sulla loro strategia avversa.

La Strategia a Breve Termine e i Suoi Rischi

La politica di “gestione della competizione” con Pechino, enfatizzando processi piuttosto che risultati e stabilità bilaterale a discapito della sicurezza globale, sembra compromettere i guadagni iniziali fatti dall’amministrazione. Questo approccio potrebbe portare a una cooperazione superficiale e generare una pericolosa complacenza, anziché costruire una solida strategia di resistenza contro le ambizioni globali della Cina.

La Necessità di Una Vittoria

È essenziale che gli Stati Uniti non si limitino a gestire la competizione con la Cina, ma mirino a vincerla. Pechino sta promuovendo iniziative globali per disintegrare l’Occidente e instaurare un ordine antidemocratico, sostenendo dittature espansionistiche e rafforzando il suo arsenale nucleare e le forze convenzionali a un ritmo senza precedenti. L’obiettivo dovrebbe essere convincere i governanti comunisti cinesi a rinunciare al conflitto con gli Stati Uniti e i suoi alleati, ispirando nel popolo cinese la ricerca di modelli di sviluppo e governance che non si basino sulla repressione interna e l’ostilità compulsiva esterna.

Le Azioni Necessarie

Gli Stati Uniti devono adottare retoriche e politiche che possano sembrare confrontazionali ma che sono necessarie per ristabilire confini violati da Pechino e dai suoi accoliti. Ciò include imporre costi al leader cinese Xi Jinping per la sua politica di caos globale, parlare con franchezza sulle modalità con cui la Cina danneggia gli interessi statunitensi, aumentare rapidamente le capacità difensive degli Stati Uniti per ottenere vantaggi qualitativi inequivocabili su Pechino, interrompere l’accesso della Cina alla tecnologia occidentale e perseguire una diplomazia intensiva con Pechino solo da una posizione di forza americana.

Confronto con la Guerra Fredda

L’attuale momento ricorda gli anni ’70, quando la politica di détente tentava di stabilire un equilibrio globale di potere con l’Unione Sovietica, una strategia che si rivelò controproducente. Al contrario, la strategia vincente adottata negli anni di Reagan puntava a convincere i sovietici della loro inevitabile sconfitta, alimentando dubbi sul loro intero sistema. Una simile determinazione è necessaria oggi per affrontare la minaccia rappresentata dalla Cina sotto la guida di Xi Jinping.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: