199 Visualizzazioni

Rivelato il Ruolo della Cina nelle Proteste Anti-Israele nelle Università USA

15 Mag 2024 - USA

Un rapporto del Network Contagion Research Institute svela come un gruppo di attivisti legati al Partito Comunista Cinese stia finanziando e organizzando proteste anti-Israele nei campus universitari americani, promuovendo un'agenda rivoluzionaria e anti-capitalista.

Rivelato il Ruolo della Cina nelle Proteste Anti-Israele nelle Università USA

Un recente rapporto del Network Contagion Research Institute (NCRI) rivela che un gruppo di attivisti politici legati al Partito Comunista Cinese (PCC) ha svolto un ruolo cruciale nel finanziare e organizzare proteste anti-Israele che hanno turbato i campus universitari negli Stati Uniti nelle ultime settimane. Il rapporto, pubblicato la scorsa settimana, mette in luce le attività di movimenti apparentemente spontanei, come Shut It Down for Palestine (SID4P), formatosi dopo l’attacco del 7 ottobre contro Israele.

La rete di attivisti e le loro operazioni

Il NCRI descrive SID4P come un movimento di protesta anti-capitalista, anti-polizia e anti-governativo che funziona come una rete ibrida, sia online che nel mondo reale, per mobilitare frequenti manifestazioni e campagne di azione diretta contro infrastrutture critiche e spazi pubblici. Sotto l’ombrello di SID4P operano membri della “Singham Network”, una rete globale di organizzazioni no-profit, sponsor fiscali e fonti di notizie alternative legate a Neville Roy Singham, un magnate tecnologico americano nato a Shanghai, sposato con Jodie Evans, cofondatrice del gruppo pacifista di sinistra Code Pink. Il NCRI descrive Singham come un “condotto” per l’influenza geopolitica del PCC.

Il ruolo dei media alternativi

I media alternativi hanno giocato un ruolo centrale nella mobilitazione online e nell’amplificazione sociale cross-platform per SID4P. Il rapporto ha scoperto che SID4P ha legami con gruppi estremisti, incluso un gruppo pro-palestinese negli Stati Uniti che promuove agende anti-americane e anti-ebraiche. Le organizzazioni legate agli sforzi di influenza straniera del PCC stanno in parte guidando un aumento delle azioni dirette, prendendo di mira infrastrutture e spazi pubblici.

Un’iniziativa ben finanziata

Sebbene apparentemente focalizzate su Israele, le proteste più ampie fanno parte di un’iniziativa ben finanziata che promuove un’agenda rivoluzionaria, anti-governativa e anti-capitalista. Le sette organizzazioni principali, chiamate “Convenors”, che compongono SID4P sono Al-Awda NY, National Students for Justice In Palestine (NSJP), Palestinian Youth Movement (PYM), Palestinian American Community Center NJ (PACC), The People’s Forum, ANSWER Coalition e International People’s Assembly (IPA). Secondo il NCRI, gli ultimi tre gruppi fungono da condotti attraverso i quali le entità affiliate al PCC hanno cooptato efficacemente l’attivismo pro-palestinese negli Stati Uniti per avanzare un’agenda più ampia anti-americana, anti-democratica e anti-capitalista.

Proteste e previsioni future

The People’s Forum ha avuto un ruolo nell’organizzazione di diverse proteste anti-Israele dopo l’attacco di Hamas del 7 ottobre, quando membri del gruppo terroristico hanno ucciso almeno 1.200 israeliani e preso oltre 200 ostaggi dal sud di Israele verso Gaza. Preoccupantemente, il NCRI prevede che queste organizzazioni continueranno a incitare disordini per tutta l’estate del 2024 e fino alle elezioni di novembre. Liora Rez, fondatrice e direttrice esecutiva di StopAntisemitism, ha paragonato le manifestazioni anti-Israele a un “Cavallo di Troia” per avanzare surrettiziamente un’ideologia distruttiva e autoritaria che cerca di seminare il caos negli Stati Uniti e in Europa sotto la copertura della “giustizia sociale” e dell'”anticolonialismo”.

Strategie di influenza

Ivana Stradner, ricercatrice presso la Foundation for the Defense of Democracies (FDD), ha dichiarato a Fox News Digital che la Cina ha adottato il kit di strumenti di Mosca per utilizzare metodi nascosti e coercitivi per influenzare gli Stati Uniti. Ha affermato che le operazioni di influenza della Cina si sono concentrate per anni sulla costruzione di un’immagine positiva del PCC e sull’amplificazione del messaggio che Pechino si preoccupa solo dell’economia e della cooperazione. “Pechino ha notato i successi della guerra dell’informazione della Russia. La Cina ha adattato il suo manuale per polarizzare l’America sfruttando le divisioni sociali,” ha detto Stradner. “Pechino non perde occasione per sfruttare la divisione americana su Hamas e promuovere narrazioni di estrema sinistra.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: