131 Visualizzazioni

Regno Unito Chiude le Porte alla Mobilità Giovanile Europea Post-Brexit

20 Apr 2024 - Mondo

Nonostante la proposta della Commissione Europea di facilitare il movimento dei giovani tra i 18 e i 30 anni, il Regno Unito rimane fermo sulla sua decisione di non reintrodurre la libera circolazione, optando per negoziati bilaterali.

Regno Unito Chiude le Porte alla Mobilità Giovanile Europea Post-Brexit

Decisione del Regno Unito sulla Mobilità Giovanile

Il Regno Unito ha recentemente respinto una proposta avanzata dalla Commissione Europea, volta a incrementare la mobilità dei giovani cittadini europei tra i 18 e i 30 anni. Questa iniziativa si proponeva di facilitare viaggi, studi e residenze temporanee per i giovani nel territorio britannico e viceversa. Un portavoce del governo britannico ha chiaramente escluso la partecipazione del paese a tale programma, dichiarando: “La libertà di movimento è conclusa e non esistono piani per la sua reintroduzione.”

Approccio Bilaterale del Regno Unito

Diversamente dall’approccio collettivo suggerito dall’Unione Europea, il governo britannico preferisce negoziare accordi bilaterali specifici con ciascuno stato membro. Questa strategia mira a stabilire accordi su misura che rispondano alle esigenze bilaterali piuttosto che impegnarsi in un’unica soluzione valida per tutti i paesi dell’UE.

Posizione del Partito Laburista

Anche il Partito Laburista, attualmente in vantaggio nei sondaggi per le prossime elezioni, ha espresso una posizione simile. Un loro portavoce ha comunicato alla BBC: “Il mercato unico, l’unione doganale e la libera circolazione non torneranno.” Questa dichiarazione segnala che anche un possibile cambio di governo non influenzerebbe la politica britannica in termini di mobilità e relazioni con l’UE.

Impatto della Decisione sulla Gioventù Europea

La proposta rifiutata della Commissione Europea era finalizzata a mitigare le difficoltà incontrate dai giovani europei post-Brexit. Senza questi nuovi accordi, gli ostacoli per vivere esperienze transnazionali si mantengono, limitando le opportunità per la gioventù di entrambe le parti. Le trattative bilaterali potrebbero offrire soluzioni, ma inevitabilmente saranno più lente e complesse rispetto a un accordo unico europeo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: