116 Visualizzazioni

L’ultima Mossa di Biden nel Pacifico: Uno Sguardo sulla Competizione Sino-Americana

2 Ott 2023 - Geopolitica

L’ultima Mossa di Biden nel Pacifico: Uno Sguardo sulla Competizione Sino-Americana

Il recente annuncio del presidente Joe Biden sul riconoscimento delle Isole Cook e Niue come “Stati sovrani e indipendenti” ha intensificato ulteriormente la competizione tra Stati Uniti e Cina nel Pacifico meridionale. Questa zona, che per decenni è stata considerata di poco interesse, è ora diventata un’arena chiave per la competizione tra le due superpotenze globali.

Storia e Contesto

Durante la riunione dei leader dei Paesi del Pacifico del 25 settembre alla Casa Bianca, Biden ha sottolineato la storica relazione degli Stati Uniti con le Isole Cook, citando l’uso delle piste di atterraggio sull’isola durante la Seconda Guerra Mondiale. Ha anche sottolineato la crescente importanza di Niue nel Pacifico, lodandola per il suo “ruolo costruttivo e cruciale”.

Il Crescente Ruolo della Cina

La crescente presenza della Cina nel Pacifico è innegabile. Pechino ha siglato numerosi accordi con governi locali, cercando di estendere la sua influenza nella regione. L’accordo quadro in materia di sicurezza tra la Cina e le Isole Salomone ne è un esempio lampante.

La Cina sta cercando di consolidare la sua presenza sia politica che economica nella regione, ponendo gli Stati Uniti in una posizione reattiva. Tuttavia, Biden ha fatto una mossa decisa nel cercare di riaffermare la posizione degli Stati Uniti nella regione, attraverso il riconoscimento delle Isole Cook e Niue e l’apertura di nuove ambasciate.

Implicazioni Future

Nonostante la popolazione relativamente piccola delle Isole Cook e Niue, la loro vasta zona economica nel Pacifico meridionale rende queste isole strategicamente importanti. Inoltre, l’attenzione crescente sulla regione evidenzia l’importanza della competizione geopolitica in corso tra Stati Uniti e Cina.

Con il riconoscimento delle Isole Cook e Niue, Biden ha chiarito che gli Stati Uniti non rimarranno inattivi mentre la Cina cerca di espandere la sua influenza nel Pacifico. Questo riconoscimento può essere visto come un tentativo degli Stati Uniti di stabilire una presenza più forte nella regione, di fronte alle ambizioni crescenti della Cina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: