103 Visualizzazioni

La Sfida dei Droni a Lungo Raggio: Come la Russia Intende Neutralizzare la Nuova Strategia Ucraina

6 Apr 2024 - Geopolitica

Di fronte all'innovativa tattica ucraina di utilizzare droni da attacco a lungo raggio, la Russia si prepara a contrastare la minaccia con avanzate difese anti-drone e strategie di guerra elettronica. Una nuova pagina nella guerra tecnologica che ridefinisce il moderno campo di battaglia

La Sfida dei Droni a Lungo Raggio: Come la Russia Intende Neutralizzare la Nuova Strategia Ucraina

La Capacità Ucraina di Attacco a Lungo Raggio

Di fronte a difficoltà lungo tutto il fronte e agli attacchi russi regolari che mirano alla sua infrastruttura militare ed energetica, l’alto comando ucraino spera di trovare sollievo con la capacità di colpire a lungo raggio tramite droni.

Fino a dieci produttori di veicoli aerei senza equipaggio prevedono di consegnare droni da attacco a lungo raggio alle forze armate ucraine, con consegne che dovrebbero fornire a Kiev la capacità di lanciare attacchi fino a 3.300 km all’interno della Russia. Tra gli esempi di questa nuova linea di UAV da attacco a lungo raggio, vi è il Sokil-300 UAV del ufficio di progettazione Luch di Kiev, in sviluppo dal metà del 2019, che promette un’autonomia di volo tra 1.300 e 3.300 km, una velocità massima di 580 km all’ora e un carico utile di 300 kg.

Un altro design, l’UJ-22 più piccolo, in sviluppo dalla compagnia UKRJET dal 2020, ha un’autonomia massima prevista di 800 km in modalità autonoma (che scende a 100 km in controllo manuale), è lungo 330 cm, largo 460 cm e ha un peso massimo al decollo di 85 kg.

La Risposta della Russia

La Russia può contrastare questi attacchi in diversi modi, a partire da colpi espansi mirati specificamente all’infrastruttura dei droni in Ucraina. Un altro modo per attenuare la minaccia è aumentare le difese anti-drone delle imprese strategiche russe, afferma Edward Bagdasarian, uno specialista russo di droni militari.

Oltre ai tradizionali sistemi di difesa aerea come i Kub, Buk, S-300, S-400, che possono mirare ai grandi droni con uguale tasso di successo rispetto agli aerei nemici, la crisi ucraina ha costretto gli sviluppatori russi ad accelerare la creazione e produzione di una gamma di attrezzature per la guerra anti-drone, dai fucili anti-drone portatili a misure di controguerra elettronica che friggono i circuiti degli UAV o li disorientano, fino ad armi laser sperimentali da combattimento.

Il Coinvolgimento della NATO nei Programmi di Droni a Lungo Raggio dell’Ucraina

I funzionari occidentali non hanno esitato a caratterizzare la zona di conflitto ucraina come un “campo di prova” per nuove armi e tattiche, con i droni che giocano un ruolo maggiore nel ridefinire l’aspetto della guerra moderna tra avversari tecnologicamente pari.

I droni da attacco a lungo raggio di grado militare sono costosi e difficili da produrre. Di conseguenza, fino a poco tempo fa, l’Ucraina è stata costretta ad improvvisare, utilizzando un drone da ricognizione sovietico d’epoca anni ’70-’80, noto come Tupolev Tu-141, per attaccare l’entroterra russo nel 2022.

Un’Arma Cambia-Gioco? Probabilmente No

I droni non sono la soluzione definitiva che Kiev e i suoi alleati potrebbero cercare mentre la crisi ucraina si trasforma in un pantano. La loro portata è circa la stessa dei missili da crociera, ma i missili da crociera sono più veloci, il loro percorso di volo è più vicino al suolo e sono più difficili da rilevare. Questo significa che, in termini tecnologici, i missili sono superiori.

In definitiva, mentre l’Ucraina esplora nuove capacità di attacco a lungo raggio attraverso i droni, la Russia sta implementando misure per neutralizzare questa minaccia emergente, segnalando un’ulteriore evoluzione nella guerra di alta tecnologia che definisce il conflitto moderno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: