245 Visualizzazioni

Gli Stati Uniti consentono all’Ucraina di usare le armi statunitensi

30 Mag 2024 - USA

Gli Stati Uniti hanno permesso all'Ucraina di usare i missili statunitensi contro i bersagli militari russi in una mossa significativa. Ha concesso tutto ciò dopo molte pressioni esercitate dall'Ucraina e discussioni tra gli alleati.

Gli Stati Uniti consentono all’Ucraina di usare le armi statunitensi

Gli Stati Uniti approvano l’uso di armi americane da parte dell’Ucraina

Gli Stati Uniti e il presidente Joe Biden hanno dato la loro benedizione: l’Ucraina ora è libera di utilizzare i missili statunitensi per colpire bersagli militari russi. La mossa è stata fatta sotto forma di minaccia del presidente al suo personale, secondo quanto riferito da Politico. Con l’amministrazione Biden che non aveva ancora annunciato formalmente nulla, Washington ha dato il permesso a Kiev, hanno detto a Politico due funzionari statunitensi e due fonti che erano a conoscenza della minaccia.

Istruzioni presidenziali per il supporto militare a Kiev

“Nei giorni scorsi, il presidente ha dato istruzioni al suo team di consentire all’Ucraina di usare armi statunitensi per ottenere una tregua a Kharkiv in modo che” le forze armate di Kiev “siano in grado di rispondere alle forze russe che stanno bombardando o si preparano a bombardare”, ha detto un funzionario. Detto in modo semplice, all’Ucraina sarà concesso di usare armi statunitensi solo per bombardare bersagli militari nell’area di confine nel territorio russo. Il raggio d’azione resterebbe limitato all’uso di missili.

Flessibilità concessa all’Ucraina

Nei giorni scorsi, la Casa Bianca ha detto all’Ucraina di avere “piena libertà” di respingere i russi, ha continuato la stessa fonte. A Kiev è stato detto di usare armi a raggio limitato, se necessario, ma di non attaccare i bersagli infrastrutturali che erano utilizzati dal pubblico. Non possono sparare missili Atacms a bersagli militari.

Supporto europeo e preoccupazioni statunitensi

La mossa degli Stati Uniti segue l’OK dichiarato di una lunga lista in costante crescita di Stati europei: Francia, Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca, Finlandia, Svezia, Paesi Baltici. Anche la Germania, secondo indiscrezioni, sarebbe allineata. L’approvazione di Washington è arrivata dopo settimane di colpi risoluti da parte dell’Ucraina. Gli Stati Uniti erano preoccupati dal comportamento di Kiev, che ha bombardato e distrutto obiettivi non bellici con l’ausilio di droni. Politico riferisce che un pezzo chiave si è incastrato con i colloqui tra il ministro della Difesa Lloyd Austin e il suo omologo ucraino Rustem Umerov, il quale ha lavorato “molto duramente” per ottenere il sì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: