96 Visualizzazioni

Truppe Francesi Dispiegate in Nuova Caledonia per Sedare i Disordini

16 Mag 2024 - Mondo

Il governo francese invia soldati per proteggere porti e aeroporto nella Nuova Caledonia. Scontri violenti dopo le modifiche alle liste elettorali hanno causato quattro morti e centinaia di feriti. Dichiarato lo stato di emergenza.

Truppe Francesi Dispiegate in Nuova Caledonia per Sedare i Disordini

Il governo francese ha annunciato il dispiegamento di truppe per garantire la sicurezza dei porti e dell’aeroporto principale nel territorio del Pacifico della Nuova Caledonia. Questa decisione arriva in risposta alle continue proteste e disordini che hanno scosso la regione. Gli scontri sono scoppiati lunedì, dopo che i legislatori di Parigi hanno approvato modifiche alle liste elettorali, suscitando preoccupazioni tra la popolazione indigena riguardo alla loro influenza politica.

Violenza e Vittime

Almeno quattro persone, tra cui un agente di polizia, hanno perso la vita a causa della violenza. Il Primo Ministro francese, Gabriel Attal, ha dichiarato durante una riunione di crisi che è stato imposto un coprifuoco e vietato l’uso di TikTok per cercare di ristabilire l’ordine. Il Presidente Emmanuel Macron ha precedentemente dichiarato lo stato di emergenza, avvertendo che la violenza sarà affrontata con una risposta rigorosa.

Motivi del Disordine

Il malcontento è esploso dopo la proposta dei legislatori parigini di concedere il diritto di voto ai residenti francesi che vivono nel territorio da almeno dieci anni. Le modifiche sono state approvate dal parlamento francese mercoledì mattina. Negozi sono stati saccheggiati, edifici pubblici incendiati e centinaia di persone, tra cui circa 100 agenti di polizia e gendarmi, sono rimaste ferite. Il Ministro dell’Interno francese, Gerald Darmanin, ha confermato queste informazioni.

Misure di Sicurezza e Reazioni Locali

Attal ha annunciato che i soldati sono stati inviati per mettere in sicurezza porti e aeroporto della Nuova Caledonia. Louis Le Franc, rappresentante del governo centrale nel territorio, ha dichiarato un coprifuoco e vietato TikTok. La capitale, Nouméa, è stata teatro di proteste violente per diverse notti, con segnalazioni di scontri a fuoco tra rivoltosi e gruppi di difesa civile.

Proteste e Risposte delle Autorità

Martedì, le autorità francesi hanno imposto un coprifuoco notturno e vietato le riunioni pubbliche. Tuttavia, mercoledì è stato riferito che i “gravi disordini” continuavano e c’era stato un tentativo di fuga dalla prigione. La Nuova Caledonia ha una popolazione di circa 300.000 persone, di cui il 40% è composto da indigeni Kanak. Questo gruppo di isole, situato tra Australia e Figi, è un territorio francese dal XIX secolo.

Accordi e Referendum sull’Indipendenza

Secondo l’Accordo di Nouméa del 1998, la Francia ha accettato di concedere maggiore autonomia politica al territorio e di limitare il voto nelle elezioni provinciali e dell’assemblea solo ai residenti di allora. Più di 40.000 cittadini francesi si sono trasferiti in Nuova Caledonia da allora. L’accordo prevedeva tre referendum sul futuro del paese, tutti conclusi con il rifiuto dell’indipendenza. Le prime due votazioni mostrarono maggioranze risicate per rimanere parte della Francia. Il terzo referendum, tenutosi nel dicembre 2021, è stato boicottato dai partiti pro-indipendenza a causa del rifiuto delle autorità di posticipare il voto a causa della pandemia di Covid-19.

“Stasera, la Francia è più bella perché la Nuova Caledonia ha deciso di rimanere parte di essa,” aveva dichiarato Macron dopo l’ultimo voto nel 2021. La Nuova Caledonia gode di un ampio grado di autonomia ma dipende fortemente dalla Francia per questioni come la difesa e l’istruzione, ricevendo ancora ingenti sussidi da Parigi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: