438 Visualizzazioni

Tragedia a Mosca: Sparatoria in Sala Concerti

22 Mar 2024 - Russia

Un attacco improvviso durante un concerto rock lascia decine di vittime e feriti

Tragedia a Mosca: Sparatoria in Sala Concerti

Il drammatico evento

Una sparatoria ha scosso la sala da concerto Crocus City Hall a Mosca, causando un bilancio tragico di almeno 12 persone uccise e 35 ferite. L’attacco è stato riferito da diverse agenzie russe, tra cui Baza, Novaya Gazeta e Moscow Times, che hanno evidenziato l’immediata evacuazione dell’edificio in seguito all’incidente.

L’assalto

Secondo le prime ricostruzioni, almeno tre individui in mimetica hanno aperto il fuoco all’interno della struttura, provocando anche un incendio. Ria Novosti ha riferito che l’edificio ha preso fuoco, aggravando ulteriormente la situazione con il rischio di crollo del tetto, mentre si teme che all’interno ci siano ancora persone intrappolate.

La risposta delle autorità

Le forze speciali russe, incluse le Squadre speciali di reazione rapida (Sobr) e le Unità speciali mobili della polizia (Omon) di Mosca, sono state immediatamente mobilitate per intervenire sul posto. Queste unità sono state allertate per gestire l’emergenza e assistere nelle operazioni di soccorso e evacuazione.

Il contesto dell’attacco

L’attacco è avvenuto durante il concerto della band rock Picnic, un evento che ha attirato numerosi fan. Una esplosione ha scosso la sala durante lo spettacolo, secondo quanto riferito dai servizi di emergenza russi e da diverse fonti mediatiche, aggiungendo un ulteriore elemento di caos e panico all’incidente.

Questo tragico evento ha scosso la comunità di Mosca e ha sollevato preoccupazioni sulla sicurezza degli eventi pubblici, portando l’attenzione sulla necessità di rafforzare le misure di sicurezza per prevenire futuri attacchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: