103 Visualizzazioni

Tensione Alta: Israele Colpisce Isfahan in Risposta all’Offensiva Iraniana

19 Apr 2024 - Medio Oriente

In un contesto di crescente instabilità regionale, Israele risponde con un'azione mirata contro una base iraniana a Isfahan, sottolineando la propria capacità di reazione e inviando un messaggio chiaro in occasione del compleanno di Khamenei.

Tensione Alta: Israele Colpisce Isfahan in Risposta all’Offensiva Iraniana

In azione mini droni pilotati da infiltrati in Iran

Israele ha risposto con un attacco aereo all’Iran, colpendo una base militare a Isfahan. La tensione è aumentata quando tre droni, pilotati da infiltrati locali secondo le fonti iraniane, sono stati neutralizzati dalle difese aeree. L’agenzia di stampa Tasnim ha confermato che gli attacchi non sono partiti dall’esterno.

Reazioni internazionali e la critica interna

Itamar Ben Gvir, ministro della Sicurezza nazionale di Israele, ha etichettato l’operazione di rappresaglia come insufficiente, riflettendo la pressione interna per un’azione più decisiva. Nel frattempo, le principali testate come Cnn e NBC hanno riferito che gli Stati Uniti non hanno approvato l’attacco, mantenendo una distanza strategica dagli sviluppi.

Salvaguardia degli impianti nucleari

Nonostante l’intensità dell’assalto, i siti nucleari iraniani rimangono intatti. Tasnim e l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) hanno confermato che non vi sono stati danni agli impianti di Isfahan, rassicurando la comunità internazionale sul rischio di una possibile escalation nucleare.

La base colpita: a cosa serve

La base di Isfahan, epicentro dell’attacco, ha un ruolo cruciale nel programma nucleare dell’Iran. Famosa per ospitare i caccia F-14 Tomcat, risale ai tempi pre-rivoluzionari. I sistemi di difesa ivi installati hanno respinto l’assalto senza subire danni, evidenziando la resilienza delle infrastrutture iraniane.

Coincidenza significativa

L’attacco coincide con l’85° compleanno del Grande Ayatollah Ali Khamenei, simbolizzando un messaggio diretto al leader iraniano. La risposta sui social non si è fatta attendere, con molti che hanno ironizzato sull’evento, sottolineando il timing provocatorio della manovra israeliana.

Dichiarazioni strategiche

Un funzionario israeliano ha rivelato al Washington Post che l’obiettivo del raid era dimostrare la capacità di Israele di colpire obiettivi significativi all’interno dell’Iran. Questa affermazione mira a rafforzare la percezione della deterrenza israeliana nella regione, crucialmente in un momento di acuta tensione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: