55 Visualizzazioni

Taiwan Condanna le Esercitazioni Militari Cinesi come “Provocazioni Irrazionali”. Cosa Sta Succedendo?

23 Mag 2024 - Oriente

Il Ministero della Difesa di Taiwan reagisce duramente alle esercitazioni militari cinesi attorno all'isola autonoma. Pechino definisce le manovre una "punizione" per gli atti separatisti di Taipei. Le tensioni aumentano dopo l'inaugurazione del presidente William Lai.

Taiwan Condanna le Esercitazioni Militari Cinesi come “Provocazioni Irrazionali”. Cosa Sta Succedendo?

Il Ministero della Difesa di Taiwan ha condannato le esercitazioni militari cinesi attorno all’isola autonoma, definendole “provocazioni irrazionali”. I manovre avvengono solo tre giorni dopo l’inaugurazione del presidente taiwanese William Lai, che Pechino ha etichettato come “separatista” e “piantagrane”.

Provocazioni e Reazioni

Le esercitazioni si stanno svolgendo intorno all’isola principale e alle isole di Kinmen, Matsu, Wuqiu e Dongyin controllate da Taipei. Un portavoce dell’Esercito Popolare di Liberazione cinese ha dichiarato che queste sono una “forte punizione” per “atti separatisti”.

La Risposta di Taipei

Taipei ha dispiegato forze navali, aeree e terrestri per “difendere la sovranità dell’isola”, ha aggiunto il Ministero della Difesa. Le esercitazioni cinesi si concentrano su pattugliamenti congiunti di prontezza al combattimento mare-aria, attacchi di precisione su obiettivi chiave e operazioni integrate dentro e fuori l’isola.

Obiettivi delle Esercitazioni

Secondo gli analisti militari, le isole periferiche di Taiwan, vicine alla costa cinese, sono state incluse come obiettivi per la prima volta, basandosi sulle mappe rilasciate dal PLA. I media taiwanesi hanno citato l’esperto militare Chieh Chung, secondo cui l’esercitazione in corso mira a “simulare un’invasione armata su larga scala di Taiwan”.

Precedenti Esercitazioni e Incurisoni

Ad agosto 2022, dopo una storica visita dell’allora presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi, la Cina ha effettuato la sua prima operazione di “accerchiamento”, simulando un blocco dell’isola principale di Taiwan con navi, aerei e attacchi missilistici. Da allora, le incursioni militari nelle acque e nello spazio aereo taiwanese sono diventate quasi settimanali.

Dichiarazioni di Pechino e Risposte Taiwanesi

Il PLA ha dichiarato che le esercitazioni di giovedì sono anche una “forte punizione per gli atti separatisti delle forze indipendentiste taiwanesi e un severo avvertimento contro le interferenze e le provocazioni delle forze esterne”. Pechino ha etichettato Lai come “separatista” e “piantagrane” per dichiarazioni passate a favore dell’indipendenza taiwanese.

Rifiuto dei Dialoghi

Nel suo discorso inaugurale, Lai ha invitato la Cina a “smettere di minacciare Taiwan”. Pechino ha denunciato il discorso, con il Ministro degli Esteri Wang Yi che ha descritto Lai come “disonorevole”. Dopo la vittoria elettorale di Lai lo scorso gennaio, Pechino ha ribadito che “Taiwan è parte della Cina” e ha ripetutamente respinto le offerte di dialogo di Lai.

Critiche e Preoccupazioni

Taiwan ha affermato che le esercitazioni di giovedì “sottolineano la mentalità militarista di Pechino”. Negli ultimi anni, le continue molestie da parte di aerei e navi cinesi hanno significativamente danneggiato la pace e la stabilità globale. L’esercitazione militare non contribuisce alla pace e stabilità nello stretto di Taiwan, ma evidenzia l’aggressività militare cinese.

Fiducia e Difesa

L’ufficio presidenziale di Taiwan ha definito “deplorevole” vedere la Cina usare “provocazioni militari unilaterali per minacciare la democrazia e la libertà di Taiwan”. Ha aggiunto che le unità militari taiwanesi e il team di sicurezza nazionale hanno una “comprensione completa della situazione”. Di fronte a sfide esterne e minacce, Taiwan continuerà a difendere la democrazia ed è fiduciosa e capace di salvaguardare la sicurezza nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: