136 Visualizzazioni

Sei Paesi della NATO Progettano un “Muro di Droni” per Difendersi dalla Russia

29 Mag 2024 - Mondo

Lituania, Lettonia, Estonia, Polonia, Finlandia e Norvegia collaborano per creare un sistema di droni per proteggere i loro confini dalle provocazioni russe.

Sei Paesi della NATO Progettano un “Muro di Droni” per Difendersi dalla Russia

Una Difesa Collettiva con i Droni

Sei Paesi della NATO stanno progettando di sviluppare un “muro di droni” con l’obiettivo di difendere i loro confini con la Russia. Lituania, Lettonia, Estonia, Polonia, Finlandia e Norvegia stanno discutendo la creazione di un sistema coordinato di droni per prevenire il contrabbando, fermare l’immigrazione illegale e affrontare altre minacce che la Russia potrebbe porre. I ministri dell’Interno dei sei Paesi si sono incontrati a Riga, capitale della Lettonia, il 23 e 24 maggio per discutere di questo progetto di difesa collettiva.

La Posizione del Ministro dell’Interno Lituano

«Questa è una cosa completamente nuova e l’obiettivo è quello di utilizzare droni e altre tecnologie per proteggere i nostri confini contro le provocazioni da parte di Paesi ostili e per prevenire il contrabbando», ha dichiarato il ministro dell’Interno lituano, Agnė Bilotaitė. Ha sottolineato che i sei Paesi hanno affrontato attacchi ibridi dalla Russia, tra cui l’immigrazione di richiedenti asilo privi di documenti, usata per creare disagio sociale e politico. Bilotaitė ha anche suggerito l’uso di fondi dell’Unione Europea per sostenere il progetto.

Dichiarazione del Ministro dell’Interno Finlandese

Mari Rantanen, ministro dell’Interno finlandese, ha dichiarato che il piano del muro di droni «migliorerà nel tempo» e aiuterà a difendere il confine del Paese con la Russia, lungo circa 1.340 chilometri. «Il nostro obiettivo è garantire che la Finlandia disponga di mezzi efficaci per affrontare le situazioni in cui la migrazione strumentalizzata viene utilizzata per fare pressione sulla Finlandia», ha affermato Rantanen, evidenziando la necessità di trovare soluzioni a livello dell’UE.

Operazioni NATO in Corso e Piano di Evacuazione

Molti Paesi della NATO ritengono che la Russia potrebbe testare i confini dell’Alleanza entro i prossimi cinque anni. I servizi di intelligence dei Paesi confinanti hanno scoperto una serie di operazioni di sabotaggio sul loro territorio. I sei Paesi della NATO hanno anche discusso i piani per l’evacuazione della popolazione in caso di conflitto, prevedendo l’evacuazione dei civili dalle regioni di confine. È attualmente in corso la più grande esercitazione NATO dai tempi della Guerra Fredda, con quasi 100.000 soldati e migliaia di mezzi terrestri, marini e aerei.

Le Operazioni di Guerra Ibrida della Russia

Negli ultimi mesi, i Paesi della NATO hanno affrontato attacchi ibridi dalla Russia, tra cui l’immigrazione strumentalizzata di richiedenti asilo. La Russia è anche accusata di voler modificare unilateralmente i suoi confini marittimi con Lituania e Finlandia, e di aver rimosso boe di confine nelle acque territoriali della Lituania, scatenando indignazione e sostegno dai membri della NATO.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: