491 Visualizzazioni

Ritirata russa dal Nagorno-Karabakh: l’Azerbaigian rafforza il suo ruolo nel Caucaso meridionale

4 Giu 2024 - Russia

Il ritiro delle truppe russe dal Nagorno-Karabakh segna un cambiamento di potere nella regione. L'Azerbaigian consolida la sua posizione mentre Armenia e Georgia affrontano significative trasformazioni politiche e alleanze mutevoli.

Ritirata russa dal Nagorno-Karabakh: l’Azerbaigian rafforza il suo ruolo nel Caucaso meridionale

La ritirata russa da Nagorno-Karabakh

Il 17 aprile, una colonna di carri armati e camion russi ha attraversato una serie di polverosi villaggi azeri mentre si allontanava dal Nagorno-Karabakh, il territorio montuoso al centro del Caucaso meridionale conteso da Azerbaigian e Armenia per più di tre decenni. Dal 2020, i peacekeeper russi avevano mantenuto una presenza nella regione. Ora, la bandiera russa che sventolava sulla base militare della regione veniva ammainata.

Sebbene abbia colto molti di sorpresa, la partenza russa ha ulteriormente consolidato un cambiamento di potere iniziato a fine settembre 2023, quando l’Azerbaigian ha conquistato il territorio e, quasi da un giorno all’altro, ha costretto all’esodo di massa circa 100.000 armeni del Karabakh, mentre le forze russe restavano a guardare. L’Azerbaigian, un paese autoritario che condivide un confine con la Russia sul Mar Caspio, è emerso come un attore di potere, con risorse significative di petrolio e gas, un forte esercito e legami lucrativi sia con la Russia che con l’Occidente.

Spostamenti di alleanze nel Caucaso

Nel frattempo, gli altri due paesi della regione, Armenia e Georgia, stanno vivendo cambiamenti tettonici. Nei mesi successivi alla presa del Nagorno-Karabakh da parte dell’Azerbaigian, l’Armenia, tradizionale alleato della Russia, si è orientata sempre più fermamente verso l’Occidente. Il partito al potere in Georgia sta rompendo con tre decenni di strette relazioni con l’Europa e gli Stati Uniti e sembra intenzionato a emulare i suoi vicini autoritari. A maggio, il parlamento georgiano ha approvato una legge controversa per reprimere “l’influenza straniera” sulle organizzazioni non governative, una legge che trae ispirazione dalla legislazione russa e invia a Mosca un segnale che ha un partner affidabile sul suo confine meridionale.

Il ritiro russo e le sue implicazioni

Oscurati in questo riorientamento del Caucaso meridionale sono i complessi motivi della Russia stessa. La regione, nota ai russi come Transcaucasia, ha avuto un significato strategico fluttuante nel corso dei secoli. Il tocco imperiale non è stato così pesante lì come in altre parti dell’Impero russo o dell’Unione Sovietica. Dopo la fine dell’Unione Sovietica, Mosca ha cercato di mantenere la sua leva attraverso la manipolazione dei conflitti etnoterritoriali locali, mantenendo il maggior numero possibile di truppe sul campo.

Ma la guerra in Ucraina e il regime di sanzioni occidentali hanno cambiato quel calcolo. Decidendo di rimuovere le truppe dall’Azerbaigian, il Cremlino sta riconoscendo che la sicurezza economica nel Caucaso meridionale è, per ora almeno, più importante della varietà militare. La Russia ha disperatamente bisogno di partner commerciali e rotte commerciali per eludere le sanzioni nel sud. E in un momento in cui è sempre più schiacciata dall’Occidente, vede anche la regione come un ambito nuovo asse terrestre verso l’Iran.

La grande mossa di Baku

A prima vista, il ritiro unilaterale russo dal Nagorno-Karabakh questa primavera era sconcertante. Per gran parte degli ultimi tre decenni, azeri e armeni hanno combattuto per il territorio, situato all’interno dell’Azerbaigian ma con una maggioranza etnica armena. Nel 2020, l’Azerbaigian ha invertito le perdite territoriali subite negli anni ’90 e avrebbe catturato anche il Nagorno-Karabakh, se non fosse stato per l’introduzione all’ultimo minuto di una forza di pace russa, incaricata di proteggere la popolazione armena locale. Tuttavia, questi peacekeeper sono rimasti a guardare quando l’Azerbaigian è entrato nel Karabakh lo scorso settembre. Avevano comunque un mandato per rimanere fino al 2025. Oltre a proiettare il potere russo nella regione, avrebbero potuto facilitare il ritorno di alcuni armeni nel Nagorno-Karabakh.

Per la Russia, i 2.000 uomini e 400 veicoli blindati trasferiti fuori dal territorio forniscono rinforzi benvenuti per la sua guerra in Ucraina. Ma non è tutta la storia. Decidendo di lasciare la regione, la Russia ha consegnato all’Azerbaigian un trionfo, permettendo al suo esercito di prendere il controllo incontrastato del territorio a lungo conteso. Per la maggior parte degli armeni, è stata una nuova conferma dell’abbandono da parte della Russia. Quasi immediatamente, gli osservatori hanno speculato che qualche tipo di accordo fosse stato raggiunto tra Russia e Azerbaigian.

Il ruolo crescente dell’Azerbaigian

Essendo il più grande e ricco dei tre paesi del Caucaso meridionale, l’Azerbaigian ha tratto maggior profitto dal cambiamento della Russia. È un attore nella politica energetica Est-Ovest, fornendo petrolio e gas trasportati da due oleodotti attraverso la Georgia e il suo stretto alleato Turchia verso i mercati europei e internazionali. Condividendo un confine con l’Iran, funge anche da porta nord-sud tra Mosca e il Medio Oriente. Inoltre, il regime azero, a differenza del governo democratico dell’Armenia, è costruito nello stesso stampo autocratico della Russia. Ilham Aliyev, il presidente autoritario dell’Azerbaigian, ha radici ancora più profonde nella nomenklatura sovietica rispetto al presidente russo Vladimir Putin: suo padre era Heydar Aliyev, un veterano del potere sovietico che è stato anche il suo predecessore come leader dell’Azerbaigian post-indipendenza, governando il paese dal 1993 al 2003. Il giovane Aliyev e Putin sanno anche come fare affari insieme, in una relazione costruita più sulla connessione personale e lo stile di leadership che sui legami istituzionali.

Relazioni storiche e contemporanee

Le relazioni non sono sempre state così buone. In tempi zaristi e sovietici, Mosca ha adottato un approccio più apertamente coloniale verso la popolazione musulmana dell’Azerbaigian, dando alle persone cognomi con terminazioni russe e imponendo l’alfabeto cirillico alla lingua azera. Gli azeri risentono ancora della sanguinosa repressione del 1990, quando, durante gli ultimi giorni dell’Unione Sovietica, il leader sovietico Mikhail Gorbaciov inviò truppe a Baku per sopprimere il Partito del Fronte Popolare dell’Azerbaigian, uccidendo decine di civili. Durante gran parte del lungo conflitto del Nagorno-Karabakh, Mosca ha dato maggiore supporto agli armeni.

Dopo la guerra del Nagorno-Karabakh del 2020, tuttavia, la Russia ha iniziato un nuovo orientamento strategico verso l’Azerbaigian. Il ritiro dei peacekeeper questa primavera sembra essere il componente chiave di un pieno accordo Baku-Mosca. Solo cinque giorni dopo la partenza dei peacekeeper russi, Aliyev si è recato a Mosca, dove ha discusso di migliorare le connessioni nord-sud tra i due paesi. Dopo i colloqui, il ministro dei Trasporti russo Vitaly Savelyev ha dichiarato che l’Azerbaigian stava aggiornando la sua infrastruttura ferroviaria per più che raddoppiare la sua capacità di carico e consentire molto più commercio con la Russia.

Il ruolo di Putin e il futuro del Caucaso meridionale

Per Mosca, tutto questo fa parte di una corsa con l’Occidente per creare nuove rotte commerciali per compensare la rottura economica causata dalla guerra in Ucraina. Da quando la guerra è iniziata, i governi e le aziende occidentali hanno cercato di migliorare il cosiddetto Corridoio di Mezzo, la rotta che trasporta merci dalla Cina occidentale e dall’Asia centrale all’Europa attraverso il Mar Caspio e il Caucaso meridionale, bypassando così la Russia. Da parte sua, la Russia ha cercato di espandere le proprie connessioni con il Medio Oriente e l’India tramite Georgia e Azerbaigian.

Grazie alla sua posizione geografica favorevole e al suo status di non allineato, l’Azerbaigian è stato in grado di giocare su entrambi i fronti. È un paese centrale nel Corridoio di Mezzo. Sta aumentando le esportazioni di gas verso l’UE, dopo un accordo con la Commissione Europea nel 2022. Ma è anche idealmente posizionato per commerciare con la Russia e, attraverso di essa, con l’Iran. E sebbene Aliyev abbia soddisfatto i funzionari occidentali con le sue condanne della guerra in Ucraina, si è rifiutato di imporre sanzioni alla Russia.

Tale posizione potrebbe funzionare per il prossimo futuro, soprattutto perché il resto del Caucaso continua a muoversi nella direzione opposta. Sotto Putin, le forze russe hanno più che raddoppiato le loro basi in Georgia, un paese che ha già invaso nel 2008. Le relazioni della Russia con l’Armenia, il paese più povero e democratico del Caucaso, stanno peggiorando rapidamente. Negli ultimi mesi, il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha dichiarato che il suo paese non vede più la Russia come un difensore e sta cercando alleanze più strette con l’Europa e gli Stati Uniti. A novembre, l’Armenia ha firmato un accordo militare con la Germania e ha iniziato i colloqui per un accordo simile con la Francia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: