169 Visualizzazioni

Ombre Internazionali sull’Attentato di Mosca: La Turchia Punta il Dito

29 Mar 2024 - Mondo

Nel mezzo del lutto per le vittime dell'attacco al Crocus City Hall, le affermazioni della Turchia introducono un inquietante sospetto di collusioni nascoste, spingendo il mondo a interrogarsi sulla vera portata delle reti di sostegno dietro al terrorismo globale

Ombre Internazionali sull’Attentato di Mosca: La Turchia Punta il Dito

Il tragico attentato terroristico, rivendicato dall’ISIS, contro il Crocus City Hall vicino a Mosca e che ha lasciato almeno 143 persone senza vita ha sollevato interrogativi e teorie sul possibile coinvolgimento di realtà straniere più ampie.

Le Dichiarazioni di Omer Celik

Omer Celik, portavoce del partito di governo turco AKP, ha espresso una posizione forte e controversa riguardo all’attentato. Secondo Celik, l’attacco non sarebbe stato possibile senza il sostegno diretto di servizi segreti stranieri. Durante un’intervista concessa all’emittente privata turca NTV, ha affermato: “Ciò non può accadere senza il supporto dell’intelligence di qualche Paese. La verità è che l’ISIS non è in grado di portare avanti da solo un’organizzazione del genere. Tali azioni hanno uno sponsor”.

Questa dichiarazione implica una complicazione significativa nella già intricata rete di relazioni internazionali e nella lotta contro il terrorismo, suggerendo che gruppi terroristici come l’ISIS possano operare con il sostegno, se non la complicità, di stati sovrani.

Solidarietà alla Russia e Speculazioni Internazionali

Celik ha anche espresso la sua vicinanza e quella del governo turco al popolo russo, sottolineando la solidarietà di Ankara di fronte a un atto di violenza così devastante. Tuttavia, le sue affermazioni sollevano dubbi e speculazioni sulla natura delle reti di supporto che gruppi terroristici come l’ISIS possano avere a livello internazionale.

Implicazioni e Domande Aperte

Le accuse di Celik non sono accompagnate da prove concrete presentate pubblicamente, ma la loro gravità solleva interrogativi urgenti sulla sicurezza internazionale e sui meccanismi di sostegno dietro atti terroristici di tale magnitudo. Se da un lato la comunità internazionale ha condannato a lungo l’ISIS come un’organizzazione terroristica responsabile di atrocità in molteplici paesi, l’ipotesi di un coinvolgimento di servizi segreti stranieri in attacchi così devastanti apre nuovi scenari preoccupanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: