475 Visualizzazioni

Nuovo Decreto per Facilitare l’Accesso alle Cure per le Persone Trans e Non Binarie

18 Mag 2024 - Mondo

Il governo peruviano ha approvato un decreto che classifica le persone trans, non binarie e intersessuali come "malati di mente", con l'obiettivo di migliorare l'accesso alle cure mediche. La mossa, firmata dal ministro della Salute César Vásquez e dalla presidente Dina Boluarte, mira a garantire servizi sanitari adeguati e rispettosi dei diritti umani.

Nuovo Decreto per Facilitare l’Accesso alle Cure per le Persone Trans e Non Binarie

Un paio di giorni fa, il governo del Perù ha approvato un decreto che ha attirato l’attenzione internazionale. La nuova normativa classifica le persone trans, non binarie e intersessuali come “malati di mente”, includendole nell’elenco ICD-10 sui disturbi mentali. Questa proposta, firmata dal ministro della Salute César Vásquez e dalla presidente Dina Boluarte, mira a migliorare l’accesso alle cure mediche per una comunità spesso marginalizzata.

Il Contesto del Decreto

Secondo il ministro Vásquez, la nuova classificazione è progettata per facilitare l’accesso a cure mediche per la salute mentale, garantendo il rispetto della dignità delle persone e dei loro diritti umani. Questo approccio permetterà di fornire servizi sanitari specifici e adeguati a beneficio delle persone trans, non binarie e intersessuali, assicurando che ricevano il supporto necessario nel quadro di una copertura sanitaria completa.

Il Sostegno alle Cure Mediche

L’intento del decreto è quello di riconoscere e rispondere alle necessità specifiche di una comunità che ha storicamente avuto difficoltà ad accedere a servizi sanitari adeguati. Definendo queste identità come una categoria specifica all’interno dei disturbi mentali, il governo peruviano intende garantire che queste persone ricevano l’attenzione e le risorse necessarie per affrontare le loro sfide di salute mentale, con un approccio centrato sulla dignità e sul rispetto.

Le Critiche e il Dibattito

Nonostante le buone intenzioni, il decreto ha sollevato critiche da parte di alcune organizzazioni non governative e associazioni pro-LGBT, che temono un potenziale aumento della stigmatizzazione. Tuttavia, è importante considerare che il governo peruviano sta cercando di affrontare una questione complessa e di fornire un sistema di supporto più strutturato e riconoscibile per le persone trans, non binarie e intersessuali.

Il Telegraph ha evidenziato che il decreto è parte di una serie di misure volte a rivedere la legislazione riguardante l’uguaglianza di genere. Sebbene alcune decisioni recenti, come il divieto di riferimenti all’uguaglianza di genere nei libri scolastici, abbiano sollevato preoccupazioni, il governo insiste sull’importanza di un approccio coerente e sistematico alle questioni di genere e salute mentale.

Le Prospettive Future

Il governo peruviano, tramite questo decreto, intende creare una base solida per migliorare l’accesso alle cure e ai servizi sanitari per tutte le persone, indipendentemente dalla loro identità di genere. L’obiettivo è quello di assicurare che nessuno sia lasciato indietro e che tutti possano beneficiare di un sistema sanitario inclusivo e rispettoso dei diritti umani.

Un Passo Verso un Supporto Maggiore?

Il decreto del governo peruviano rappresenta un tentativo di rispondere alle esigenze di una comunità vulnerabile e di garantire che le persone trans, non binarie e intersessuali ricevano le cure necessarie. Sebbene ci siano critiche e preoccupazioni, è fondamentale riconoscere l’importanza di un sistema sanitario che si impegna a includere e sostenere tutte le identità di genere, promuovendo la dignità e il rispetto per tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: