110 Visualizzazioni

Nessun Piano Nucleare in Polonia: Stoltenberg Frena le Speculazioni

24 Apr 2024 - Geopolitica

La NATO chiarisce le proprie intenzioni sulla non espansione dell'accordo nucleare in Polonia, mentre il Regno Unito annuncia un significativo aumento della spesa per la difesa, segnando un momento cruciale per la sicurezza europea.

Nessun Piano Nucleare in Polonia: Stoltenberg Frena le Speculazioni

Stoltenberg esclude piani nucleari in Polonia

Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha recentemente affermato a Varsavia che l’organizzazione non prevede di dispiegare armi nucleari in Polonia. Durante un incontro con i giornalisti, insieme al primo ministro britannico Rishi Sunak, ha sottolineato che non ci sono piani per estendere l’accordo di condivisione nucleare attuale. Tale dichiarazione mette una pausa nelle speculazioni, sollevate in precedenza dal presidente polacco Andrzej Duda, che aveva espresso la disponibilità del suo paese ad accogliere armamenti nucleari se richiesto dagli alleati.

Duda sulla possibilità di armi nucleari

Il presidente polacco, Andrzej Duda, aveva sollevato la possibilità di ospitare armi nucleari sul suolo polacco come misura per rafforzare la sicurezza del fianco orientale della Nato, in risposta alle crescenti tensioni con la Russia. Le sue dichiarazioni avevano riacceso il dibattito sulla sicurezza europea, posizionando la Polonia come un attore disposto a intensificare il proprio ruolo all’interno dell’alleanza.

Il Regno Unito aumenta la spesa per la difesa

Nel frattempo, il primo ministro britannico Rishi Sunak ha annunciato un aumento sostanziale della spesa per la difesa del Regno Unito. L’obiettivo è raggiungere il 2,5% del PIL entro il 2030, a partire dall’attuale 2,32%. Questo incremento si traduce nel maggiore rafforzamento della capacità difensiva britannica di una generazione, prevedendo una spesa aggiuntiva di 75 miliardi di sterline nei prossimi sei anni. Sunak ha evidenziato la necessità di una maggiore capacità dell’industria di rispondere rapidamente alla domanda di munizioni, sottolineando l’importanza degli investimenti a lungo termine nel settore.

Investimenti futuri nel settore della difesa

Il Regno Unito pianifica anche la creazione di una nuova agenzia dedicata all’innovazione nel settore della difesa. Questa iniziativa, assieme all’impegno di destinare almeno il 5% delle spese difensive alla ricerca e sviluppo, mira a preparare il paese per le sfide future. Con queste mosse, il Regno Unito si propone di migliorare la prontezza operativa e aumentare la produzione continua di munizioni, aspetti ritenuti fondamentali alla luce delle esperienze della guerra in Ucraina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: