168 Visualizzazioni

Lunga lettera di Meloni a Scholz: Il controverso finanziamento tedesco a una ONG nel Mediterraneo

25 Set 2023 - Italia

Lunga lettera di Meloni a Scholz: Il controverso finanziamento tedesco a una ONG nel Mediterraneo

La recente decisione del governo tedesco di erogare un finanziamento di 790mila euro alla ONG tedesca Humanity1, attiva nel Mediterraneo, ha suscitato l’interesse e le perplessità del Premier italiano Giorgia Meloni. Sabato scorso, ha inviato una lettera dettagliata al cancelliere tedesco Olaf Scholz, esponendo la posizione dell’Italia e le sue preoccupazioni riguardo questa mossa.

L’Italia, come ha ben sottolineato Meloni, “è impegnata in prima linea” per affrontare l’eccezionale pressione migratoria sia a livello nazionale che internazionale. Gli sforzi dell’Italia nel contrastare l’immigrazione irregolare sono stati intensi, agendo in sinergia con l’Unione europea, come testimoniato dal memorandum siglato con la Tunisia.

Tuttavia, la sorpresa è arrivata quando il Premier italiano ha scoperto che il governo tedesco ha deciso, senza coordinarsi con l’Italia, di finanziare significativamente ONG che operano nell’accoglienza di migranti irregolari sul suolo italiano e nel salvataggio di queste persone nel Mediterraneo.

La domanda che Meloni pone è chiara: non sarebbe stato più appropriato facilitare e finanziare queste iniziative sul territorio tedesco, anziché sull’italiano? Soprattutto alla luce degli ingenti sforzi dell’Italia nel limitare i flussi migratori irregolari.

Il finanziamento del governo tedesco alla Comunità Sant’Egidio, destinato a fornire assistenza sul territorio italiano, è stato visto come un’ingerenza non gradita. Aggiungendo a ciò la presenza di navi ONG in mare, Meloni sottolinea come queste possano avere un effetto moltiplicatore sulle partenze di imbarcazioni precarie, aggravando la situazione italiana e aumentando il rischio di tragedie in mare.

La posizione di Meloni è diretta: l’intervento tedesco avrebbe potuto e dovuto manifestarsi in modo diverso. Le risorse dell’UE dovrebbero essere maggiormente orientate verso soluzioni strutturali al fenomeno migratorio, come iniziative con i paesi di transito del Mediterraneo meridionale.

Il Premier italiano ha quindi espresso il desiderio di chiarire la situazione con Scholz in persona, proponendo un incontro durante il Consiglio Europeo del 5 e 6 ottobre a Granada.

In un clima di tensioni e sfide crescenti relative alla migrazione, questa lettera evidenzia la necessità di una maggiore collaborazione e coordinamento tra gli Stati membri dell’UE, mettendo in primo piano l’importanza della comprensione e del rispetto reciproco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: