105 Visualizzazioni

L’Influenza cinese in Europa: il caso Serbia

14 Ago 2023 - Europa

L’Influenza cinese in Europa: il caso Serbia

L’emergere della Cina come superpotenza economica globale ha suscitato ammirazione, ma anche crescenti preoccupazioni in molte parti del mondo. L’Europa, con le sue economie mature e stabilite, non è esente da queste preoccupazioni, specialmente alla luce degli ultimi sviluppi in Serbia.

Recentemente, il Ministero delle Finanze di Belgrado ha annunciato che tre delle principali società esportatrici nel paese sono di proprietà cinese. La Zijin Mining di Brestovac, la Zijin Copper di Bor e la HBIS Group, proprietaria dell’acciaieria di Smederevo, hanno dominato il mercato serbo delle esportazioni nella prima metà del 2023. Considerando che le esportazioni dei 15 principali esportatori serbi hanno totalizzato 4,2 miliardi di euro, il peso economico delle aziende cinesi è innegabile.

Ma, qual è il pericolo sottostante?

La crescente presenza di aziende cinesi in Europa non è solo una dimostrazione della capacità della Cina di competere su scala globale, ma rappresenta anche un potenziale strumento di influenza geopolitica. L’investimento cinese in infrastrutture critiche, risorse naturali e settori chiave dell’industria può offrire a Pechino un’importante leva in questioni diplomatiche e politiche.

Per paesi come la Serbia, che sono ancora in fase di transizione e sviluppo, gli investimenti cinesi possono sembrare una benedizione. Possono portare capitale, tecnologia e posti di lavoro. Tuttavia, questi investimenti possono anche portare a una dipendenza economica, rendendo il paese vulnerabile alle decisioni politiche ed economiche di Pechino.

Inoltre, c’è il rischio che aziende di proprietà dello stato cinese operino con un’agenda che va oltre il mero profitto. Potrebbero prioritizzare gli interessi geopolitici della Cina, dando a Pechino una voce più forte nelle decisioni interne del paese ospitante.

In conclusione, mentre l’Europa deve accogliere gli investimenti esteri come parte della globalizzazione e della crescita economica, è essenziale essere vigili. La crescente influenza della Cina attraverso i suoi “tentacoli economici” rappresenta una sfida che l’Europa deve affrontare con occhi aperti, equilibrando le opportunità economiche con la necessità di salvaguardare la propria sovranità e integrità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: