65 Visualizzazioni

La Federal Reserve Prende Tempo: Attesa per l’Inflazione al 2% Prima di Ridurre i Tassi

21 Mag 2024 - Finanza

I funzionari della Federal Reserve, tra cui Christopher Waller e Raphael Bostic, insistono sulla necessità di vedere ulteriori mesi di dati positivi sull'inflazione e una domanda economica rallentata prima di considerare una riduzione dei tassi di interesse. La cautela è fondamentale per evitare instabilità economica e un potenziale riaccendersi dell'inflazione.

La Federal Reserve Prende Tempo: Attesa per l’Inflazione al 2% Prima di Ridurre i Tassi

Due funzionari della Federal Reserve hanno dichiarato che è prudente per la banca centrale degli Stati Uniti attendere ancora diversi mesi per assicurarsi che l’inflazione sia effettivamente tornata su un percorso verso l’obiettivo del 2% prima di iniziare a ridurre i tassi di interesse. Christopher Waller, governatore della Federal Reserve, ha dichiarato che prima di sostenere una riduzione della politica monetaria, vuole vedere ancora diversi mesi di dati positivi sull’inflazione, a meno che non ci sia un significativo indebolimento del mercato del lavoro.

L’Inflazione e il Mercato del Lavoro

La Federal Reserve ha mantenuto costante l’intervallo del suo tasso di riferimento per la politica monetaria, compreso tra il 5,25% e il 5,50%, dall’estate scorsa. Tuttavia, dopo tre mesi di inflazione più alta del previsto, da gennaio a marzo, la banca centrale sta ora accogliendo con cautela i segnali incoraggianti di un miglioramento nel mercato del lavoro e di un ritorno al progresso nell’abbassare l’inflazione verso il suo obiettivo del 2%.
In ulteriori dichiarazioni successive al discorso, Waller ha espresso il desiderio della Fed di assistere a un rallentamento della domanda economica, respingendo le speculazioni sull’eventualità di un aumento dei tassi di interesse. Ha sottolineato che i dati più recenti sull’inflazione sono confortanti e che il tasso di politica monetaria della banca centrale è attualmente adeguato.

Le Preoccupazioni della Fed sulla Stabilità Economica

Waller ha dichiarato che è fondamentale evitare un crollo improvviso dell’economia. Ha sottolineato che, al momento, non vi è alcun segnale che suggerisca che prolungare la permanenza in una certa situazione per tre o quattro mesi possa portare all’instabilità economica. Attualmente, gli operatori di mercato anticipano che la banca centrale possa ridurre i tassi per la prima volta a settembre. Inoltre, vedono come più probabile un ulteriore taglio nella riunione finale della Fed di quest’anno, prevista per dicembre. In un discorso separato, il presidente della Fed di Atlanta, Raphael Bostic, ha condiviso un parere simile, sottolineando l’importanza della cautela da parte della banca centrale nel procedere con il primo taglio dei tassi, affinché non si verifichi una reazione a catena che porti a una riduzione degli investimenti da parte di imprese e famiglie. Tale cautela è essenziale per evitare che la politica monetaria provochi un riaccendersi dell’inflazione, mettendo così i responsabili politici in una situazione difficile.

Strategia Prudente

Bostic ha dichiarato che è nell’interesse della Federal Reserve evitare movimenti bruschi nei tassi di interesse, esprimendo una preferenza per attendere più a lungo prima di prendere eventuali decisioni, al fine di garantire che l’inflazione non aumenti eccessivamente. Ha sottolineato la necessità di una riduzione dei tassi solo quando è evidente che l’inflazione si sta avvicinando al 2%, indicando che, data la possibilità di eccessiva fiducia, la Fed deve agire con cautela e potrebbe essere necessario ritardare il primo intervento sui tassi di interesse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: