95 Visualizzazioni

Israele tra il Martello di Hamas e l’Incudine della Comunità Internazionale

6 Apr 2024 - Geopolitica

Sei mesi dopo l'atroce massacro del 7 ottobre, Israele naviga in acque tumultuose: intrappolato in una guerra logorante a Gaza, con Hamas ferito ma non vinto, e la sua reputazione globale sotto assedio. Mentre il governo israeliano si sforza di trovare una via d'uscita, la soluzione appare sempre più un labirinto senza fine, con la pace e la stabilità regionale appese a un filo.

Israele tra il Martello di Hamas e l’Incudine della Comunità Internazionale

Sei mesi dopo il massacro del 7 ottobre di Hamas, Israele sembra bloccato

Sei mesi dopo il massacro del 7 ottobre perpetrato da Hamas, Israele appare in una situazione di stallo. La sua guerra a Gaza ha inflitto gravi colpi a Hamas, rendendo improbabile che il gruppo possa organizzare un altro attacco simile per un certo tempo, se non mai. Tuttavia, il prezzo di questo successo è alto, sia in termini di vite palestinesi sia per la reputazione di Israele. Il paese è lontano dall’obiettivo di distruggere Hamas e sembra intrappolato in una campagna militare che promette progressi solo incrementali a un costo enorme.

Le promesse di Netanyahu e le reali conseguenze

Dopo il 7 ottobre, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha giurato di “distruggere Hamas” uccidendo i suoi leader, annientando le sue forze militari e demolendo la sua infrastruttura. Si è impegnato a prevenire un altro attacco e ha promesso di cercare il rientro degli ostaggi presi da Hamas, inclusi i corpi di coloro che sono morti. E ha chiarito che vuole assicurarsi che anche gli altri nemici di Israele, inclusa Hezbollah in Libano, siano scoraggiati dall’attaccare.

Nonostante Israele abbia colpito duramente Hamas, non è riuscito a preparare il terreno per un nuovo governo di successo a Gaza, prerequisito per tenere a bada Hamas nel lungo periodo. E nonostante la pressione da Washington, Israele sembra raddoppiare il suo approccio a breve termine, pianificando una grande operazione nella città di Rafah che offrirebbe solo guadagni militari marginali ma esacerberebbe la crisi umanitaria di Gaza e ulteriormente diminuirebbe la reputazione di Israele.

Un bicchiere mezzo pieno?

Israele ha fatto significativi progressi verso il suo obiettivo di distruggere Hamas. L’esercito israeliano sostiene che le sue operazioni abbiano costretto 18 dei 24 battaglioni di Hamas a sciogliersi. Israele ha anche ucciso diversi dei principali leader militari del gruppo, inclusi Marwan Issa, che ha aiutato a pianificare l’attacco del 7 ottobre e che era forse il terzo leader più importante di Hamas a Gaza. E le forze israeliane hanno distrutto molte delle gallerie di Hamas, posizioni fortificate e depositi di armi.

O mezzo vuoto?

Nonostante questi successi, la campagna militare di Israele è in stallo in mezzo alle macerie. L’uccisione di Issa ha colpito Hamas, ma i due leader più prominenti, Mohammed Deif e Yahya Sinwar, rimangono liberi. Anche se la struttura battaglionale di Hamas è stata duramente colpita e il gruppo potrebbe non essere in grado di combattere in grandi formazioni, è lontano dall’essere schiacciato.

Il costo umano e la reputazione internazionale

I successi tattici di Israele sono arrivati a un enorme costo umano. Più di 32.000 palestinesi sono morti a Gaza, molti dei quali bambini. Oltre 1,7 milioni di persone sono state sfollate e gran parte della popolazione è a rischio di fame e malattie. Di conseguenza, la reputazione internazionale di Israele sta soffrendo.

La guerra continua

Alcuni dei problemi che Israele sta incontrando a Gaza erano inevitabili. Data la scala della violenza del 7 ottobre, sarebbe stato impossibile per qualsiasi leader israeliano non ordinare almeno una limitata invasione di breve termine di Gaza. E una campagna a Gaza sarebbe sempre stata problematica.

Tempo di pressione

La società israeliana nel suo insieme, non solo Netanyahu e i suoi alleati di destra, è impegnata a schiacciare Hamas, e sarà difficile costringere il governo a cambiare il suo approccio autolesionistico a Gaza. Tuttavia, l’amministrazione Biden dovrebbe cercare di persuadere Israele a fare più che semplicemente gestire il conflitto minacciando di limitare sia l’aiuto militare che il sostegno diplomatico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: