120 Visualizzazioni

Attacco Israele a Damasco: Una Svolta nel Conflitto Ombra con l’Iran

6 Apr 2024 - Mondo

Con il raid aereo su Damasco, Israele segna una nuova fase nel suo lungo confronto con l'Iran, rischiando di intensificare ulteriormente le tensioni in una regione già infiammata. In un gioco di ombre e luci, le mosse di Tel Aviv mettono alla prova la resilienza dell'ordine regionale, sfidando gli equilibri in una danza pericolosa tra deterrenza e provocazione

Attacco Israele a Damasco: Una Svolta nel Conflitto Ombra con l’Iran

Il 1° aprile, Israele ha lanciato l’ultimo attacco contro l’Iran nel loro conflitto ombra in corso, con un raid aereo che ha raso al suolo una sezione del complesso dell’ambasciata iraniana a Damasco, uccidendo presumibilmente almeno 12 persone. Tra i morti c’era Mohammad Reza Zahedi, a capo delle operazioni militari dell’Iran in Siria e Libano, dove ha lavorato per decenni diventando un interlocutore chiave con Hezbollah e il suo leader, Hassan Nasrallah. L’attacco ha ucciso anche Mohammad Hadi Haji Rahimi, vice di Zahedi, e almeno altri cinque ufficiali del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC).

Una Nuova Linea Rossa

Con il raid sul complesso diplomatico, Israele ha oltrepassato una nuova linea, considerato da Iran e molti altri governi come equivalente a colpire direttamente il territorio iraniano. La decisione di prendere di mira funzionari di alto livello in quella sede potrebbe riflettere la convinzione del governo israeliano che questo sia il momento di agire contro obiettivi militari iraniani, ovunque si trovino, con relativa impunità. Da parte sua, Israele considera l’Iran abbastanza vincolato da renderlo improbabile una risposta che potrebbe portare a un incontrollabile scoppio di guerra regionale.

Fuori dalle Ombre

La campagna di Israele contro obiettivi collegati all’Iran in Siria non è iniziata dopo l’attacco di Hamas a Israele il 7 ottobre, anche se gli attacchi israeliani sembrano essersi intensificati da quando è iniziata la guerra a Gaza. Israele è impegnato da oltre un decennio in quello che gli esperti di sicurezza israeliani hanno definito una “campagna tra le guerre” in Siria, parte di uno sforzo sostenuto per degradare i gruppi di milizie collegati all’Iran.

Un Tigre di Carta?

Dopo gli attacchi senza precedenti di Hamas il 7 ottobre, Israele avrebbe potuto ridimensionare la sua campagna regionale più ampia contro l’Iran, concentrandosi sulle minacce imminenti provenienti da Gaza. Israele avrebbe potuto adeguare la sua campagna regionale alla luce della maggiore volatilità regionale, soprattutto in vista del forte desiderio degli Stati Uniti di contenere la guerra ed evitare un confronto diretto con l’Iran, una preferenza condivisa dai vicini arabi di Israele.

Tuttavia, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il suo gabinetto di guerra d’emergenza sembrano aver scelto una strada diversa. Sei mesi dopo l’inizio della guerra, Israele sta raddoppiando la sua campagna regionale, seguendo quello che Naftali Bennett, allora ministro dell’Istruzione di Israele, ha definito nel 2018 “la dottrina del polpo”.

Flirtare con il Disastro

Assumendo che si trovi di fronte a pochi vincoli nel tentativo di indebolire l’Iran e i suoi proxy, Israele sta correndo un rischio significativo. L’Iran potrebbe sentirsi in dovere di rispondere in qualche modo contro Israele direttamente, e sembra affrontare una pressione crescente in patria per farlo. Le relazioni di trame iraniane sventate per attaccare strutture diplomatiche e civili israeliane all’estero suggeriscono che il fallimento dell’Iran nel reagire direttamente agli interessi israeliani non è per mancanza di tentativi.

Israele potrebbe ritenere tali rischi gestibili. Tuttavia, un maggiore senso di impunità non è solo un rischio per Israele; è una postura pericolosa che potrebbe mettere direttamente in pericolo gli interessi e le vite americane. Dopo i precedenti attacchi israeliani contro obiettivi iraniani in Siria prima della guerra a Gaza, l’Iran ha scelto di reagire contro le truppe statunitensi attraverso le sue forze di milizia in Iraq e Siria. Ora, con l’ultimo attacco israeliano a Damasco, questa pausa potrebbe essere in pericolo. La guerra a Gaza sembra rafforzare gli incentivi già forti di Israele a una maggiore, e non minore, escalation militare con l’Iran.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: