602 Visualizzazioni

Strategie Inedite sul Fronte Orientale: Analisi delle Nuove Tattiche Russe e la Risposta Difensiva dell’Ucraina

8 Feb 2024 - Geopolitica

Strategie Inedite sul Fronte Orientale: Analisi delle Nuove Tattiche Russe e la Risposta Difensiva dell’Ucraina

La guerra in Ucraina, ormai nel suo secondo anno, sta vivendo una svolta critica a causa di un cambiamento tattico da parte della Russia, che ha introdotto metodi di offensiva al momento difficili da contrastare per le forze armate di Kiev. Questa nuova strategia, che ha sorpreso i vertici militari ucraini, si manifesta attraverso l’uso di droni e missili balistici, alcuni dei quali potrebbero essere ipersonici, non ancora pienamente identificati, che hanno recentemente colpito sei oblast ucraine, causando cinque vittime.

Una Tattica Inaspettata

La “nuova tattica” russa, emersa nell’ultima ondata di raid, rappresenta una sfida significativa per l’Ucraina. Tre ufficiali dell’esercito ucraino, basandosi su report riservati elaborati dopo gli ultimi attacchi, hanno delineato un quadro preoccupante: alcuni missili hanno colpito il suolo ucraino appena due minuti dopo l’attivazione delle sirene d’allarme, lasciando poco tempo ai civili per raggiungere i rifugi. Questo breve intervallo di tempo ha avuto un impatto diretto sul numero di morti e feriti, evidenziando la crescente imprevedibilità e violenza dello scenario bellico.

La Risposta di Kiev

Di fronte a questa nuova minaccia, l’Ucraina sta cercando di adattarsi e rafforzare le proprie capacità difensive. La Verkhovna Rada ha approvato in prima lettura una nuova legge sulla mobilitazione militare per aumentare il numero di soldati disponibili a combattere. Questa legge, che abbassa l’età del reclutamento e introduce la notificazione digitale per la leva, mira a consolidare le forze armate ucraine in risposta alla crescente pressione russa.

Supporto Internazionale e Sfide Interne

Mentre l’Ucraina si mobilita, il sostegno internazionale rimane cruciale. I servizi di emergenza ucraini, con l’aiuto internazionale, stanno formando esperti per operazioni speciali a Chernobyl e pianificando misure per proteggere aree sensibili. Tuttavia, le tensioni interne e le divergenze su come affrontare ulteriormente la mobilitazione sollevano questioni sulla leadership militare, con il presidente Zelensky e il generale Zaluzhny al centro di un dibattito su possibili cambiamenti ai vertici delle forze armate.

Gli Stati Uniti, principali sostenitori dell’Ucraina, osservano da vicino questi sviluppi, sottolineando che le decisioni sui vertici militari spettano alla sovranità ucraina. Nonostante i ritardi nel nuovo pacchetto di aiuti, l’impegno americano verso l’Ucraina rimane fermo, con la promessa di continuare a sostenere sia lo stato che l’esercito ucraino nella loro lotta contro l’aggressione russa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: