288 Visualizzazioni

Claudio Foti Chiede Risarcimento a Selvaggia Lucarelli

19 Gen 2024 - Italia

Claudio Foti Chiede Risarcimento a Selvaggia Lucarelli

Claudio Foti, psicologo assolto in appello nella vicenda di Bibbiano, ha avviato una causa civile presso il Tribunale di Torino, richiedendo un risarcimento di 320mila euro a Selvaggia Lucarelli e a due quotidiani. Foti sostiene di aver subito diffamazione e lesione dell’identità professionale a causa degli articoli pubblicati tra il 2019 e il 2021.

Accuse di Diffamazione nei Confronti di Foti

Tra le accuse di diffamazione, vi è un passaggio di Lucarelli che fa riferimento al ruolo di Foti nel suicidio di quattro persone nel 1996 a Sagliano Micca, durante un processo per pedofilia. Lucarelli aveva scritto: “Quella botola, le perquisizioni lo accertarono, non esisteva. Eppure la sua esistenza fu segnalata al pm dell’epoca attraverso un fax con su scritto ‘urgentè proprio di quel Claudio Foti del Centro Studi Hansel e Gretel, oggi rinviato a giudizio per Bibbiano. Nonno, nonna, padre e zio si suicidarono per quelle accuse”.

La Difesa di Foti e le Contestazioni dell’Avvocato Bauccio

L’avvocato Luca Bauccio, che assiste Foti, ha contestato la malafede e l’intento mistificante di Lucarelli, affermando che le sue parole inferiscono un collegamento tra il presunto errore che ha portato al suicidio e il dottor Foti. Bauccio sostiene che Lucarelli ha alimentato una campagna stampa e un linciaggio mediatico contro Foti, danneggiando la sua reputazione professionale.

Richiesta di Risarcimento per Altri Articoli

Foti chiede un risarcimento anche per altri articoli di Lucarelli, in cui vengono messe insieme diverse vicende, tra cui Bibbiano, Veleno, Sagliano Micca e Rignano Flaminio, dove Foti e i suoi collaboratori erano periti e consulenti. L’avvocato Bauccio ribatte che Foti non ha partecipato all’indagine ‘Veleno’ e che nel caso di Sagliano Micca il procedimento non è mai giunto a sentenza.

Contestazioni sul Metodo Foti e la Vicenda di una Bidella Cagliaritana

Un altro articolo definito “falso e calunnioso” riguarda il cosiddetto ‘metodo Foti’, in relazione al suicidio di una bidella cagliaritana accusata di pedofilia. Bauccio sottolinea che Foti non ha avuto alcun ruolo nell’indagine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per rimanere aggiornato/a iscriviti al nostro canale whatsapp, clicca qui: